Caso Lopresti, assolti due dirigenti regionali accusati di falso e abuso

I manager coinvolti nella vicenda del funzionario riammesso in servizio nonostante la misura interdittiva della sospensione per un anno dell'esercizio di pubblico ufficio

6
di Redazione
10 marzo 2021
20:29

Il gup di Catanzaro Paola Ciriaco ha assolto, perché il fatto non sussiste, i dirigenti regionali Bruno Zito e Sergio Tassone, accusati di falso ideologico e abuso d'ufficio. Il gup, nel corso dell'udienza preliminare, ha così accolto la richiesta della difesa - gli avvocati Francesco Iacopino e Crescenzio Santuori, per Tassone, e Nicola Cantàfora e Massimo Scuteri per Zito - e del sostituto procuratore di Catanzaro Graziella Viscomi.

La vicenda che vedeva coinvolti i due dirigenti risale a gennaio 2019 e riguardava il caso di un funzionario che era stato sospeso dal servizio, in via cautelare, ed era stato riassegnato ad altro incarico su delibera della Giunta regionale, nonostante la misura interdittiva della sospensione per un anno dell'esercizio di pubblico ufficio.


Inizialmente erano stati indagati i componenti della Giunta presenti alla seduta nel corso della quale era stata approvata la delibera e i due dirigenti Zito e Tassone. A seguito degli interrogatori, disposti in fase di indagine, la Procura aveva archiviato la posizione dei componenti della Giunta, ma non di Zito e Tassone, i quali, oggi, davanti al gup, nel corso di un lungo interrogatorio, hanno difeso il loro operato. Tesi accolta dal gup che li ha assolti.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top