Caso Miramare, Angela Marcianò condannata ad un anno di reclusione

I reati contestati sono, a vario titolo, di abuso d'ufficio e falso. L’ex assessore di Reggio Calabria, che ha scelto il rito abbreviato, è indagato insieme a quasi tutta l’ex giunta Falcomatà

326
di Consolato Minniti
8 luglio 2019
17:23
Angela Marcianò
Angela Marcianò

Un anno di reclusione. Questa la condanna per l’ex assessore del Comune di Reggio Calabria, Angela Marcianò, che aveva scelto il rito abbreviato nel cosiddetto “caso Miramare”. La decisione del gup è più pesante della stessa richiesta del pm che aveva invocato dieci mesi di reclusione. 

 

Tutto nasce dall’assegnazione del “Miramare”, noto hotel di prestigio di proprietà dell’amministrazione comunale, alla onlus “Il sottoscala”, preseduta da Paolo Zagarella. Per il Procura le persone indagate avrebbero violato i doveri di «imparzialità, trasparenza e buona amministrazione», concordando l’affidamento solo con l’associazione di cui l’imprenditore è stato nominato presidente il giorno precedente alla delibera di Giunta. Di fatto, dunque, ci sarebbe stato un impegno di affidamento temporaneo dell’immobile prima della formale deliberazione. Quanto a Falcomatà, non si sarebbe astenuto, pur in presenza di un «interesse proprio che ne inficiava l’imparzialità». Il motivo? Zagarella è notoriamente amico del primo cittadino e gli concesse in uso gratuito il proprio immobile da destinare a sede della segreteria politica, in occasione delle amministrative del 2014, quando venne eletto primo cittadino. Senza indicare con precisione i criteri da seguire per tutte le associazioni, la Giunta avrebbe procurato intenzionalmente un «ingiusto vantaggio patrimoniale» a Zagarella.


La grana scoppiò però anche per l’ex assessore Angela Marcianò. Secondo la Procura, infatti, sebbene vi sia stata una iniziale opposizione, successivamente alla «persistente volontà, manifestata dallo stesso sindaco e dagli altri assessori» di procedere comunque alla pubblicazione della delibera, la Marcianò «avallava la pubblicazione» senza che fosse «fatta menzione delle sue originarie riserve».

Dopo la richiesta di condanna a 10 mesi, dunque, oggi arriva la sentenza che stabilisce una pena pari ad un anno di reclusione. Ovviamente pena sospesa, ma forse la corsa per una possibile candidatura a sindaco (l’anno prossimo si voterà al Comune di Reggio Calabria) potrebbe fermarsi qui. 

 

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio