Piscina comunale: l'associazione Catanzaro Nuoto ricorre al Tar

La gestione dell’impianto sportivo ha subito un travagliato iter amministrativo. Il bando di gara è stata annullato due volte in autotutela da Palazzo De Nobili

di Luana  Costa
23 settembre 2017
11:38
La pisicina comunale
La pisicina comunale "Vinicio Caliò"

Non si è chiuso con l’affidamento all'associazione sportiva Calabria Swim Race il travagliato iter amministrativo finalizzato all’assegnazione della gestione della piscina comunale a Catanzaro. Una delle quattro associazioni che avevano partecipato alla gara espletata da Palazzo De Nobili ha infatti proposto ricorso al Tar impugnando gli atti amministrativi emanati dal Comune. In particolare, l’associazione Catanzaro Nuoto ha deciso di intraprendere le vie legali dopo che il bando era già stato annullato per ben due volte in autotutela dall’amministrazione comunale.

 

 

La stessa sorte per i campetti da tennis

L’associazione che ha ottenuto in gestione la piscina comunale è sempre la stessa che ha vinto l’appalto per la riqualificazione dei campetti da tennis di Pontepiccolo e che attualmente gestisce la piscina a Giovino. Altrettanto travagliato era stato infatti l’iter amministrativo volto all’individuazione di un’associazione che si facesse carico di riqualificare e poi gestire i campetti da tennis. Infine, la commissione aggiudicatrice di Palazzo De Nobili ha affidato entrambe le strutture sportive alla Asd Calabria Swim Race.

 

Luana Costa

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio