Inchiesta

Cinque arresti per usura a Varese, prestiti con tassi d’interesse fino al 120%: sequestri anche in Calabria

Le indagini hanno appurato come i 5 fungessero di fatto da "banca" per chiunque avesse bisogno. Avrebbero emesso anche fatture per operazioni inesistenti per oltre 6,2 milioni, utilizzando società intestate a prestanome

11
di Redazione
7 giugno 2022
11:12

Cinque persone sono state arrestate dalla Guardia di finanza di Varese, con l'accusa di aver gestito un giro di prestiti di denaro a tassi d'interesse fino al 120% e di emissione di fatture per operazioni inesistenti. Due degli arrestati, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Busto Arsizio (Varese), sono finiti in carcere, mentre tre ai domiciliari.

Le indagini sono partite da alcune segnalazioni per operazioni sospette in materia di antiriciclaggio e, tramite intercettazioni telefoniche, hanno appurato come i cinque fungessero di fatto da "banca" per chiunque avesse "bisogno". Quando i due vertici del gruppo hanno scoperto che un imprenditore voleva denunciarli, lo hanno minacciato.


Gli stessi due avrebbero emesso anche fatture per operazioni inesistenti per oltre 6,2 milioni, utilizzando società intestate a prestanome. Agli indagati oggi sono stati sequestrati preventivamente 2,7 milioni di euro, tra conti, polizze assicurative, immobili in Lombardia, Sardegna e Calabria, auto di grossa cilindrata e licenze per l'esercizio di mercato ambulante a posto fisso.

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top