La decisione

Concussione ai danni di un imprenditore, l’ex sindaco di Celico condannato a due anni e otto mesi

A luglio del 2020, Antonio Falcone, avrebbe preteso dal titolare di una ditta edile denaro e lavori gratuiti nella propria abitazione in cambio dell'assegnazione di un appalto

71
di Marco Cribari
20 ottobre 2022
21:35

È di due anni e otto mesi di carcere, la condanna inflitta, nella serata del 20 ottobre 2022, all’ex sindaco di Celico, Antonio Falcone, giudicato colpevole del reato di concussione ai danni di un imprenditore edile del posto. La Procura aveva richiesto quattro anni di pena. 

Nel 2020, l’imprenditore aveva denunciato l’allora primo cittadino lamentando di essere stato costretto a consegnargli del denaro e ad eseguire lavori gratis presso la sua abitazione, pena l’esclusione della sua ditta da una gara d’appalto nel piccolo centro presilano.


Il 30 luglio di quell’anno, la consegna dell’ultima tranche di denaro – mille euro – era stata filmata dalla guardia di finanza e, in quell’occasione, per Falcone era scattato l’arresto in flagranza. Dopo alcuni mesi trascorsi dietro le sbarre, l’uomo riuscì a ottenere i domiciliari, poi revocati alla fine del 2021. Fin dal principio si è difeso negando ogni addebito. Sosteneva, infatti, di essersi fatto restituire dall’imprenditore una somma che, in precedenza, gli aveva dato in prestito.

Giornalista
GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top