Corigliano Rossano, reparto di Psichiatria pronto ma senza arredi

VIDEO | Dopo tre anni sono terminati i lavori di ristrutturazione ma intoppi burocratici bloccano l’attivazione. In tutta la provincia di Cosenza ci sono 3 divisioni di questo tipo nelle strutture ospedaliere

8
di Matteo Lauria
18 marzo 2021
12:22

Da oltre tre anni non si riescono ad avere gli arredi per la divisione di Psichiatria, da poco ristrutturata, del presidio ospedaliero spoke di Corigliano-Rossano, nonostante le numerose sollecitazioni. La divisione ha in dotazione due stanze con 5 posti letti, in realtà 4 poiché per uno dei pazienti non è indicata la convivenza con altri soggetti. 250mila euro di lavori per il potenziamento e l’ampliamento del reparto. I lavori hanno subito dei ritardi ma finalmente ora sono terminati.

In tutta la provincia di Cosenza sono solo tre i reparti di Psichiatria (Cosenza, Corigliano, Cetraro). C’è carenza di posti letto e di personale. Spesso i pazienti sottoposti a TSO  (trattamento sanitario obbligatorio) vengono trasferiti fuori regione con tanto di dispendio di risorse umane ed economiche ai danni dell’erario. Per supporto occorre l’assistente sociale e una pattuglia della polizia municipale per le attività di sicurezza.


Necessario un potenziamento di personale

Capitolo a parte merita la questione del personale: per un reparto chiamato a gestire 9 posti letto occorrono almeno 6 medici e 18 infermieri (attualmente ci sono 3 medici e 13 infermieri). Fino all’ottobre del 2020 la divisione era dotata di 6 medici poi, però, due hanno chiesto ed ottenuto l’inidoneità mentre un terzo ha deciso di lasciare a beneficio di altri presidi (in Puglia) poiché non venivano celebrati i concorsi nonostante fosse stato pubblicato il bando (per due posti). La questione è articolata e complessa, richiede senso di responsabilità e celerità nelle decisioni. Il carico di lavoro è alto, e il personale è contenuto. I servizi di igiene mentale organizzati dal Dipartimento territoriale lavorano cinque giorni a settimana e due rientri. Rimane un vuoto dalle 14 di venerdì fino a lunedì, vuoto colmato dall’unico reparto di Psichiatria di tutta la Sibaritide. Va da sé che tutto ciò determina scompensi nelle turnazioni a tal punto da limitare ferie e congedi al personale operante.

La situazione è stata presa in considerazione dai vertici aziendali i quali hanno predisposto ordini di servizio affinché si potenziasse il personale operante ma, di tutta risposta, sono pervenuti puntuali certificati medici di malattia. Mancano figure professionali importanti nel reparto di Psichiatria, in particolare: assistenti sociali e psicologi. Ora ci sono le condizioni per rilanciare la divisione, il problema è la pratica degli arredi arenata nei cassetti degli uffici “fornitura e logistica” dell’Asp di Cosenza e, infine, l’adeguamento del personale: tre unità mediche e cinque infermieristiche.    

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top