Coronavirus, chiusa anche Praia a Mare: strade bloccate da barriere di cemento

Il sindaco Antonio Praticò, all'indomani della conferenza stampa del presidente Giuseppe Conte, ha deciso di chiudere i confini della sua città. Le barriere potranno essere spostate in caso di emergenza

di Francesca  Lagatta
22 marzo 2020
18:05

Con un'ordinanza contingibile e urgente volta al contenimento dell'emergenza  epidemiologica derivante da Covid-19, la n° 75 del 22 marzo 2020, il primo cittadino di Praia a Mare, Antonio Praticò, ha ordinato il divieto di accesso di persone non autorizzate sul territorio comunale. La decisione arriva all'indomani della conferenza del presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte, durante la quale ha annunciato misure ancora più drastiche per provare ad arginare la pandemia da coronavirus che sta mettendo il Paese in ginocchio.

Barriere di cemento per chiudere gli accessi

Il quattro volte sindaco della città dell'isola Dino ha di fatto blindato i confini della città «mediante l'utilizzo di barriere "new jersey" in cemento con bande catarifrangenti, segnaletica stradale verticale di preavviso, lampade di illuminazione notturna, nel rispetto delle disposizioni del codice della strada e garantendo la sicurezza della circolazione veicolare».

 

LEGGI ANCHE: Coronavirus, vietato entrare nel Tirreno cosentino: ecco i comuni blindati

Garantito libero accesso in caso di emergenza

Nell'ordinanza si specifica che la società Bossio srl, che ha provveduto all'istallazione dei dispositivi, dovrà garantire «la perfetta manutenzione di quanto installato». Inoltre, la stessa dovrà «garantire una pronta reperibilità, h24, in caso di necessità di movimentazione delle barriere in cemento per consentire l'eventuale passaggio di mezzi di soccorso e ambulanze». Pertanto, ogni punto di sbarramento dovrà presentare «copia dell'ordinanza con indicazione dei numeri telefonici della società Bossio srl da contattare in caso di urgenti necessità di spostare le barriere». 

 

LEGGI ANCHE: Coronavirus nel Cosentino: a Cassano e Trebisacce ingressi vietati

Strade inaccessibili

La società incaricata sta provvedendo in queste ore alla chiusura dei seguenti accessi: strada comunale in corrispondenza degli svincoli della statale 18, lati nord e sud della Località Foresta; strada comunale in corrispondenza degli svincoli della SS. 18, lati nord e sud, della Località Fortino; strada comunale in corrispondenza degli svincoli della statale 18, lati nord e sud, della Località Hermitage; strada comunale in corrispondenza degli svincoli della statale 18, lati nord e sud, della Località Viscigliosa; strada comunale in corrispondenza del Varco d'accesso della statale 18, direzione Nord-Sud, di via delle Ginestre.

A Diamante inasprite le misure dei giorni scorsi

Ernesto Magorno, alla guida di Diamante, è stato tra i primi sindaci della costa tirrenica ad adottare misure drastiche in materia di contenimento del coronavirus e, nello specifico, a chiudere la città con barriere di cemento. In giornata Magorno ha inasprito le misure ordinando la chiusura della stazione ferroviaria per le persone provenienti da fuori ragione. Inoltre, ha vietato a tutti i cittadini il transito sul territorio comunale e sulla strada statale ricadente nel territorio comunale.

 

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio