Coronavirus, Gioia Tauro gioca d'anticipo: il sindaco ordina la chiusura della città

Aldo Alessio dispone il divieto di entrata e di uscita se non per motivi sanitari, lavorativi o urgenti e la chiusura di molte attività commerciali dalle 14 alle 7 del mattino

20 marzo 2020
15:23
Il sindaco di Gioia Tauro Aldo Alessio
Il sindaco di Gioia Tauro Aldo Alessio

Anche Gioia Tauro corre ai ripari per cercare di arginare il propagarsi del coronavirus. Il caso di Rosarno di ieri, dove è stato riscontrato il primo caso di positività al Covid-19 sul territorio, ha fatto accelerare le misure da parte dei primi cittadini della Piana e Aldo Alessio, sindaco della città del porto, ha emesso un’ordinanza che va proprio in questa direzione.

 

Alessio, infatti, ha disposto il divieto degli spostamenti in entrata e uscita dal comune se non per motivi sanitari, lavorativi o urgenti. Prevista inoltre la chiusura di tutte le attività commerciali, industriali, edili, compresi tabaccai, edicole, forni e panetterie dalle ore 14 alle 7 del mattino. Potranno lavorare dalle ore 7 alle 14.
La chiusura e sospensione nei giorni festivi di tutte le attività senza nessuna eccezione, fatta salva l'attività della farmacia di turno e dei servizi di ristorazione svolti a domicilio.

 

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio