Covid-19, Parrotta (Ispeg): «Non rischiamo vita e casellario giudiziale»

Il direttore dell'Istituto nazionale studi politici, economici e giuridici ricorda ai cittadini che uscendo di casa in piena emergenza coronavirus si rischia la morte e un procedimento penale 

di Redazione
28 marzo 2020
18:38

Il direttore dell'Ispeg (Istituto nazionale studi politici, economici e giuridici), Alessandro Parrotta, mette in guardia i cittadini sui rischi che si corrono uscendo di casa e sulla possibilità di ritrovarsi, alla fine dell'emergenza coronavirus, con il casellario giudiziario "macchiato". 

 

La contestazione penale per inosservanza dell’obbligo “stare a casa”, ricorda Parrotta, «per i trasgressori di ordinanze regionali e Dpcm legate all’emergenza Covid-19, esiste l’art. 260 Testo unico Sanità che prevede l’arresto fino a sei mesi e l’ammenda per chiunque non osservi un ordine legalmente dato per impedire l’invasione o la diffusione di una malattia infettiva dell’uomo, con conseguente procedimento penale. Questo in aggiunta alla sanzione amministrativa pecuniaria. Non mettiamo a rischio vita e casellario giudiziale in un sol colpo; restiamo a casa».

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio