Coronavirus Reggio Calabria, a Bova Marina positivo dipendente comunale

L'uomo, asintomatico, si trova già in quarantena da 10 giorni. Il municipio rimane chiuso in attesa di ulteriori riscontri

93
di Redazione
21 marzo 2020
11:46

L’area grecanica continua a tremare. Dopo il caso di Montebello Jonico ad essere duramente messo alla prova è il comune di Bova Marina che questa mattina si è svegliato con una notizia tremenda: un dipendente comunale è positivo al Coronavirus. Come accaduto a Montebello, adesso, la macchina sanitaria si sta muovendo per scongiurare che ci siano altri casi tra amministratori e dipendenti. Intanto il comune rimarrà chiuso e tutti i dipendenti in quarantena.

 

L’amministrazione di Bova Marina

«Il Comune di Bova Marina è, purtroppo, costretto ad informare tutti i concittadini che, nelle scorse ore, ci è stato comunicato che un nostro dipendente comunale è risultato positivo al coronavirus.Il dipendente, di cui – nel rispetto della legge in vigore in materia di tutela della privacy – non possiamo fornire le generalità, sta bene, è asintomatico, già in quarantena e domiciliato fuori dal territorio comunale, da dove è assente da 10 giorni.

 

Al fine di prevenire ogni forma possibile di contagio, ed avendo l’improrogabile necessità diidentificare altri potenziali contagiati, per poter a loro volta individuare anche i contatti indiretti, stamattina il sindaco, Saverio Zavettieri, ha disposto la chiusura totale degli uffici comunali ed attivato i protocolli per la ricerca dei contatti diretti. È stato richiesto, inoltre, al Dipartimento diPrevenzione Igiene e Sanità Pubblica dell’ASP di Reggio Calabria, di effettuare in maniera urgenteil tampone su tutti i dipendenti e gli amministratori che abbiano avuto contatti con il dipendente risultato positivo».

 

A parlare a nome dell’amministrazione è il consigliere Silvio Cacciatore che specifica come «le misure già adottate in questi giorni di concerto con il Governo e la Regione, applicando quindi le ordinanze del Presidente del Consiglio e del Presidente della Regione Calabria – non ultima quella del 21 marzo che impone tra l’altro l’obbligo di spostamenti individuali, il divieto di pratica sportiva e le uscite per gli acquisti essenziali, ad eccezione di quelle per i farmaci, limitate ad una volta al giorno e ad un componente del nucleo familiare – non rende necessaria l’emanazione di ulteriori ordinanze comunali, ma indispensabile la comprensione e la collaborazionedi tutti».

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio