Coronavirus Reggio Calabria, deceduta la madre del dipendente morto a Montebello

Il decesso è avvenuto al Gom dove l'anziana donna era ricoverata. Aveva scoperto di essere positiva dopo la morte del figlio

79
di Elisa Barresi
28 marzo 2020
09:30

Un dramma nel dramma. A spegnersi dentro l’ospedale metropolitano di Reggio Calabria nella giornata di ieri è stata Michela Battaglia, madre di Mimmo Crea, prima vittima di coronavirus della provincia. Per Montebello Jonico sono giorni di lutto e dolore. Sale, infatti, a 12 il numero dei contagiati di cui due morti.

Dopo il decesso del dipendente comunale, dai tamponi effettuati a tutta le sua rete di contatti, oltre al primo cittadino Ugo Suraci, a risultare positiva era stata anche la madre. Una donna di 88 anni che questo pomeriggio ha perso la sua battaglia contro il coronavirus. 

Dopo la notizia del decesso dell’anziano della casa di riposo di Melito Porto Salvo, quest’ennesima perdita mette in discussione la situazione nell’area grecanica. Il dolore è lancinante tra parenti e amici che devono dire l’ennesimo addio così, senza un ultimo saluto e senza lacrime da asciugare. 

Il bollettino del Gom

Nella giornata di ieri - come comunicato nel bollettino del Gom - sono stati sottoposti allo screening per Covid-19 160 nuovi soggetti con sospetto di infezione. Di questi, 5 sono risultati positivi al test.

I pazienti ricoverati in ospedale sono attualmente 33: 23 in Malattie Infettive, 4 in Pneumologia e 6 in Terapia Intensiva. I pazienti deceduti sono 7, mentre quelli dimessi perché guariti sono 7.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio