L’inchiesta

Corruzione, indagato ex sindaco del Cosentino: perquisita la sua abitazione e gli uffici comunali

Si tratta dell'ex primo cittadino di Cleto Giuseppe Longo. Al vaglio della procura di Paola una serie di assegnazioni di incarichi per la realizzazione di lavori pubblici

89
di Antonio Alizzi
23 novembre 2021
14:39
Giuseppe Longo
Giuseppe Longo

L’ex sindaco di Cleto, Giuseppe Longo, è tra le persone sottoposte ad indagine nell’ambito di un’inchiesta coordinata dalla procura di Paola. Uno dei reati ipotizzato a carico del primo cittadino del comune del basso Tirreno cosentino è quello di corruzione. Insieme a Longo sono indagate altre nove persone: Sandro Bonacci, Cosimo Bianchi, Domenico Presta, Marcello Mazza, Francesco Pantaleone La Valle, Felice Stefano Marascio, Arturo Veltri, Paolo Stilla e Carmela Di Cianni.

Stamane gli investigatori, su mandato del procuratore capo Pierpaolo Bruni e dei pm, Maria Francesca Cerchiara e Teresa Valeria Grieco, hanno disposto una serie di perquisizioni negli uffici comunali e nelle abitazioni degli altri inquisiti.


Cleto, le accuse all’ex sindaco Giuseppe Longo

Secondo l’impostazione accusatoria, Longo avrebbe promesso di affidare gli incarichi di progettazione a soggetti scelti da terzi intermediari «e segnatamente a Domenico Presta – dipendente del comune di Roma ma di fatto operante nel comune di Cleto, di cui indirizzava le scelte e da Sandro Bonacci, Cosimo Bianchi, Marcello Mazza, tutti mediatori tra Longo e i professionisti beneficiari, in quanto, soggetti di collegamento rispetto a dipendenti del ministero dell’Interno, i quali, a loro volta, fornivano informazioni privilegiate ai primi con riferimento ai finanziamenti in questione – ricevuto le utilità consistenti nell’ottenimento dei finanziamenti, a fronte della promessa e del successivo affidamento di incarichi a diversi professionisti, tra cui lo stesso Marcello Mazza, nonché a Francesco Pantaleone La Valle, Felice Stefano Marascio, Arturo Veltri, Paolo Stilla e Carmela Di Cianni». I fatti contestati si sarebbero verificati da marzo a luglio 2021.

Cleto, i progetti finiti nel mirino della procura di Paola

Tra gli i progetti finiti nel mirino della procura di Paola c’è un finanziamento relativo alle opere pubbliche di messa in sicurezza degli edifici e del territorio per un milione di euro; l’intervento di consolidamento e messa in sicurezza della scarpata a ridosso della strada comunale “Cleto-Albergata-Maria di Savuto” per 550mila euro; il consolidamento e messa in sicurezza della scarpata a ridosso della strada comunale “Serra Cavallo-Campo sportivo e Cava Cecilia” per 450mila euro; spese di progettazione per gli interventi di messa in sicurezza del territorio a rischio idrogeologico per un ammontare totale di 387mila euro.

LEGGI ANCHE:
Cleto, anche turbativa d’asta: la relazione della Guardia di Finanza

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top