Rudere occupato a Cosenza, Occhiuto: «Devono intervenire i proprietari»

La struttura è a rischio crollo ed è accessibile attraverso alcuni varchi che hanno consentito ad un gruppo di senza fissa dimora di accamparsi all'interno, in contrasto con le norme anticoronavirus 

27
di Salvatore Bruno
1 aprile 2020
09:54

Scatta l’obbligo per i proprietari, di intervenire sul rudere ubicato in via 24 Maggio a Cosenza, in centro città, dove sabato scorso gli agenti della polizia municipale hanno individuato ed identificato un gruppo di abusivi accampati in condizioni igieniche precarie e senza il rispetto delle stringenti norma anticoronavirus in vigore.

 

Mettere in sicurezza

Il sindaco Mario Occhiuto ha intimato loro, attraverso una ordinanza, di procedere immediatamente e, comunque, non oltre 15 giorni dalla notifica del provvedimento, agli interventi di messa in sicurezza dei fabbricati pericolanti «anche mediante demolizioni totali o parziali e opere provvisionali finalizzate ad evitare crolli – si legge nel documento - a garanzia della pubblica e privata incolumità».

 

Obbligo di custodia

Il Comune di Cosenza ha inoltre imposto ai detentori dell’immobile, di inibire l’accesso «sigillando i varchi e ogni possibile attraversamento con opere e lavorazioni idonee a impedirne l’ingresso o il passaggio, oltre che garantire gli obblighi di custodia della proprietà e la verifica circa le condizioni di inaccessibilità».

 

L’ultimo crollo

Sabato scorso un muro di recinzione era crollato a seguito delle forti piogge, come accertato dalla dirigente del settore protezione civile del Comune Antonella Rino e dagli agenti della polizia municipale, intervenuti sul posto. Era stata poi accertata la presenza, in pianta stabile, di 14 persone accampate senza titolo, in parte identificate. Alle persone accampate se ne sono aggiunte altre il giorno seguente, domenica, nonostante sul posto fosse stata apposta la segnaletica con i relativi divieti.

 

Responsabili dei danni

«I proprietari – si legge nella nota di Palazzo dei Bruzi - saranno ritenuti responsabili dei danni che eventualmente si verificheranno per loro negligenza e comunque per l’inosservanza delle vigenti disposizioni di legge e delle disposizioni impartite con l’ordinanza del Sindaco. I proprietari o loro delegati comunicheranno per iscritto al comune di Cosenza l’inizio e la fine dei lavori per come ordinati. Il rispetto dell’ordinanza sarà assicurato dal Comando della Polizia Municipale».

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio