Cosenza, terreni inesistenti e attività lavorative fantasma: denunciati 176 falsi braccianti

La truffa ha consentito ai falsi lavoratori di percepire indebitamente indennità agricole e contributi Inps, assegni per il nucleo familiare, malattia e maternità

di Redazione
27 agosto 2015
09:03

Terreni inesistenti, coltivazioni difformi da quelle reali, terreni montani irrigati come fossero agricoli, sono solo alcune delle numerose irregolarità che hanno consentito di ricostruire le false attività lavorative dichiarate anche da interi nuclei familiari e da cittadini stranieri.

 


Le Fiamme Gialle di Cosenza hanno denunciato 176 falsi braccianti per truffa ai danni dello Stato. Falsamente dichiarate 20.572 giornate lavorative che hanno consentito di percepire 627.224 euro di contributi non spettanti.

 

La truffa, organizzata da un imprenditore agricolo della Sibaritide, ha consentito ai falsi lavoratori di percepire indebitamente indennità agricole e contributi Inps per false disoccupazioni agricole, assegni per il nucleo familiare, malattia e maternità.

 

L’attività investigativa, coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Castrovillari, è stata effettuata elaborando i dati acquisiti dalle banche informatiche in uso al Corpo con riscontri diretti sul posto e accertamenti eseguiti presso enti pubblici.
Un lavoro complesso che ha visto coinvolti numerosissimi soggetti disposti a dichiarare posizioni contributive fittizie al fine di acquisire benefici indebiti a carico della collettività.

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top