Covid, Arcuri spende oltre 32 mln per test inaffidabili: trovano 4 positivi su 10

Secondo uno studio i tamponi acquistati dal commissario straordinario per l'emergenza avrebbero una sensibilità tra l'11,1% e il 45,7%

152
di Redazione
19 novembre 2020
13:42
Il commissario Domenico Arcuri
Il commissario Domenico Arcuri

Caos sui test acquistati dal commissario straordinario per l'emergenza e la ripartenza Domenico Arcuri.

Uno studio pubblicato dalla rivista scientifica Journal of Clinical Virology rivela che i test acquistati dal commissario avrebbero un'affidabilità molto bassa sul riscontro di positività da Covid-19.  Il commissario, attraverso un regolare bando, ha comprato di dieci milioni pezzi per la modica cifra di oltre 32 milioni di euro.

I test in questione non sarebbero top di gamma, anzi, il Biocredit Covid 19 Ag (nome del prodotto) avrebbe una sensibilità che oscillerebbe tra l'11,1% e il 45,7%. I test sarebbero in grado di individuare al massimo 4 persone ogni 10 affette da coronavirus, non certo numeri ottimali per cercare di frenare la diffusione del virus in questo momento.

 

Non risultano esserci documenti di validazione ufficiali, infatti, i requisiti minimi dei test dovevano avere un'approvazione da parte di agenzie regolatorie nazionali o internazionali oppure la validazione di un laboratorio accreditato in Italia. Gli unici documenti disponibili sono quelli forniti dall'azienda produttrice che attesta un’affidabilità superiore al 90%.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio