Emergenza pandemia

Covid, Draghi conferma: «Si va verso l’obbligo vaccinale e terza dose»

Il premier in conferenza stampa: «Anche il Green pass verrà esteso». E sui no vax e le aggressioni a medici e giornalisti: «Violenza odiosa e vigliacca» (ASCOLTA L'AUDIO)

830
di Redazione
2 settembre 2021
17:58
Il premier Draghi, foto ansa
Il premier Draghi, foto ansa

Si va verso l'obbligo vaccinale e verso la terza dose di vaccino? «Sì a entrambe le domande». Il premier Mario Draghi, in conferenza stampa dopo il Cdm, risponde così. Il presidente del Consiglio annuncia anche che il Green pass verrà esteso. «Il ministro Speranza ed io ne stiamo parlando da un po' di tempo. L’orientamento è «sì, verrà esteso. Per decidere esattamente quali sono i passi da compiere e i settori che dovranno averlo prima, faremo una cabina di regia come chiesto dal senatore Salvini. La direzione è quella».

Lega contro il parere del Governo

La Lega in Commissione, sul Green pass, ha votato contro il parere del governo. «La cabina di regia ci sarà perché dobbiamo decidere tante cose, tra cui l’estensione del green pass: a chi, non se estenderlo». «La cabina di regia ci sarà di sicuro. Secondo: il chiarimento politico lo fanno le forze politiche. Terzo: è auspicabile una convergenza e una maggiore disciplina nelle deliberazioni politiche. Quarto: il governo va avanti».


«Vedo una coalizione con le sue divergenze, ci sono provenienze politiche, culturali, personali e professionali diverse in questa maggioranza. Il governo va molto d'accordo nei suoi membri, il Parlamento ha fatto un lavoro straordinario e continua a farlo: non vedo nessun disastro all'orizzonte e non mi preoccupo per me stesso di sicuro», afferma ancora. «Questo governo sta in piedi perché è il Parlamento che lo vuole. La vita del governo è decisa dal Parlamento. Perciò, ho sempre detto, che i processi decisionali sono integrati, ma questo non vuol dire che il governo debba fare il mestiere dei partiti, né che i partiti devono fare il mestiere del governo».

Capitolo immigrazione

Capitolo immigrazione: «Secondo me la ministra Lamorgese lavora molto bene. Il problema è molto difficile, non ho trovato qualcuno che avesse la bacchetta magica e lo risolvesse in un attimo. I numeri di quest’anno non sono spaventosi, abbiamo avuto anni peggiori di questo. Credo che la ministra Lamorgese faccia il suo dovere e lo faccia molto bene».

Un incontro tra il premier, la ministra dell'Interno e Salvini «potrebbe essere un chiarimento interessante. Specialmente Lamorgese e Salvini possono dire i loro punti di vista, cosa è che non va, soprattutto se quel che non va è raffrontabile a quel che non andava quattro anni fa, cinque anni fa, tre anni fa, ovviamente non all'anno della pandemia, perchè lì si è fermato tutto, anche i migranti. Se la ministra Lamorgese lo vorrà si farà volentieri, magari non in televisione o in streaming».

No vax

Tra i temi d'attualità, le minacce no vax nei confronti di medici, politici, giornalisti: «Esprimo solidarietà a chi è oggetto di odio da parte dei no vax. È una violenza odiosa e vigliacca nei confronti di persone in prima linea contro la pandemia e nei confronti di chi fa informazione», dice il presidente del Consiglio.

Vaccini

«La campagna vaccinale procede spedita - sottolinea- oggi siamo al 70% della popolazione completamente vaccinato. Sono fiducioso, raggiungeremo l’80% per la fine di settembre. Vorrei ribadire l’invito a vaccinarsi: - aggiunge- è un atto verso se stessi, è un atto di solidarietà e di protezione verso gli altri. Ho usato frasi più incisive in passato, ribadisco la necessità di farlo. La campagna vaccinale è stata abbracciata dai giovani: tra i 16 e i 19 anni, almeno il 70% ha ricevuto una dose di vaccino e quasi la metà dei ragazzi è totalmente vaccinata - ha detto ancora Draghi - Questo ci permette di affrontare l’apertura delle scuole con minori incertezze rispetto allo scorso anno. La riapertura della scuola in presenza è sempre stata una priorità di questo governo».

Scuola

Sulla scuola «l'impressione è che la preparazione sia stata accurata, ben fatta, che insomma il Governo non abbia passeggiato durante l'estate, come dice qualcuno. La scuola in presenza è stata sempre la priorità di questo Governo».

Economia

Quanto all'«economia continua a crescere, cresce anche molto di più di quanto ci si fosse aspettati, basta andare a vedere le cifre che il Mef aveva previsto nei documenti ufficiali a marzo di quest'anno. Anche questo ci dà un forte incoraggiamento. Il mercato del lavoro va bene, se non sbaglio c'è circa mezzo milione di occupati in più, l'occupazione in generale non mostra cenni di cedimento».

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top