Covid, i test rapidi usati in Calabria dal 20 dicembre non sono attendibili: è caos screening

VIDEO | I tamponi antigenici a marchio Biocredit sono i più economici. Il commissario nazionale Arcuri ne ha acquistato 13 milioni dalla Corea del Sud e li ha consegnati anche alla Protezione civile calabrese che li usa ormai da più di un mese. Sono gli stessi distribuiti anche nelle scuole. Oggi si scopre l'alto rischio di falsi negativi (ASCOLTA L'AUDIO)

29 gennaio 2021
07:00

di Elisa Barresi e Luana Costa
Il dubbio sulla reale attendibilità dei test rapidi acquistati in gran numero dal commissario nazionale per l’emergenza Covid, Domenico Arcuri, era già insorto ad agosto, quando da uno studio pubblicato dalla rivista scientifica, Journal of Clinical Virology, si era desunta una sensibilità del test tra l’11,1% e il 45,7%. Una circostanza che non ha però impedito una distribuzione massiva su tutto il territorio nazionale del kit prodotto in Sud Corea. Invitalia a novembre ne aveva già in pancia una quantità notevole e pagata con un fiume di denaro pubblico: 13 milioni di kit alla considerevole somma di 32 milioni di euro (come riportato da Sky Tg 24).

Il test Biocredit

Si tratta, nello specifico, del tampone antigenico a marchio Biocredit che ha un prezzo di mercato del valore di 3,50 euro a kit. Nulla a che vedere con il competitor molto più costoso ma anche più attendibile commercializzato con marchio Abbott: 93,3% di sensibilità. Il valore di mercato di quest'ultimo kit ha subìto nel corso dell’emergenza diverse fluttuazioni. Nei primi mesi della pandemia era possibile acquistare il prodotto direttamente dalla casa produttrice per circa 7 euro a kit, ma quando la richiesta è cresciuta, è lievitato anche il prezzo che ha raggiunto anche 12,50 euro a kit, ma oggi assestato a 8,30 euro a pezzo. Più del doppio del primo.


Scoppia il caso a Reggio

E la Calabria, ovviamente, non è rimasta immune dalla distribuzione massiva operata dalla Protezione Civile in tutta Italia. Il caso dei tamponi antigenici a marchio Biocredit è scoppiato nei giorni scorsi a Reggio Calabria dove la task force anti covid, e in particolare il virologo clinico Fabio Foti, coordinatore dell’attività di “testing e tracing”, ha posto dei dubbi strutturando una vera e propria verifica dell’attendibilità grazie a uno screening analizzato in sinergia con il policlinico di Catanzaro. I dati emersi sono quelli che si temevano. I kit arrivati proprio per effettuare lo screening di massa sulla popolazione non sono adeguati. Così il comune di Reggio Calabria, che diversamente da altri enti che hanno subito distribuito i test impiegandoli, li ha preventivamente bloccati e dei 70mila ricevuti solo 1700 sono stati realmente somministrati. Adesso queste scorte rimarranno chiuse e inutilizzate o somministrati a soggetti esclusivamente sintomatici e/o paucisintomatici (cioè con sintomi lievi) previa prescrizione medica ed obbligatoria ripetizione dopo 2-4 giorni, poiché, come spiega la task force reggina, in questo caso «mostrano invece un notevole incremento dei valori di performance e quindi, in mancanza di altro test a lettura a fluorescenza disponibile, possono essere utilizzati». Reggio ha fatto da apripista e, oltre a non usare per lo screening di massa i tamponi che si sono dimostrati inadeguati, si è già mossa per richiedere i test a fluorescenza.

In uso già a dicembre

Ma i kit erano già in uso in Calabria da diverso tempo. Era il 20 di dicembre quando il sindaco di Catanzaro, Sergio Abramo, in una nota forniva il resoconto della prima giornata di screening effettuata nel drive through allestito nel quartiere Sala. Su oltre cento tamponi eseguiti, nessun positivo rilevato. Erano i primi giorni di applicazione dell’ordinanza regionale vergata dal presidente ff della Regione Calabria, Nino Spirlì: la numero 97 del 18 dicembre, in cui si autorizzava l’uso di test rapidi da somministrare alle persone che intendevano fare rientro in Calabria durante le festività natalizie. Ma già allora la Protezione civile regionale aveva ricevuto e, quindi, distribuito a sua volta nelle cinque province calabresi il lotto di tamponi antigenici a marchio Biocredit. Gran parte della campagna di screening avviata a ridosso e durante le festività natalizie, quando il numero di rientri aumentava di giorni in giorno, è stata realizzata con il test rapido prodotto in Sud Corea.

Distribuiti nelle scuole

E ancora oggi la Protezione civile continua ad avere in pancia e distribuire il test rapido dall’attendibilità decisamente dubbia. Ad esempio, appena mercoledì scorso 6.400 tamponi antigenici sono stati consegnati in 64 istituti comprensivi della provincia di Catanzaro per consentire alle scuole di intervenire tempestivamente effettuando screening sul personale docente e sugli studenti nei casi di eventuali contagi. La maggior parte della consegna contiene ancora test rapidi a marchio Biocredit, solo quattro confezioni a marchio Abbott sono state distribuite nelle scuole; le ultime di una precedente fornitura ancora in deposito alla Protezione Civile. Questi ultimi, a titolo d’esempio, con una attendibilità che si attesta al 93,3% sono stati consegnati casualmente nel plesso Pascoli facente parte dell’istituto comprensivo Pascoli-Aldisio. Gli altri a marchio Biocredit distribuiti, invece, nelle restanti scuole.

Falsi negativi

Pare, dunque, il caso di porsi alcuni interrogativi. Ad esempio, come giustificherà il commissario, Domenico Arcuri, il denaro impiegato per acquistare test inattendibili con conseguenti pesanti ricadute sulla salute pubblica? In che modo i test rapidi hanno intaccato l'attendibilità dei dati forniti sul numero dei contagi? Quanti falsi negativi sono stati lasciati inconsapevolmente liberi di circolare e continuare a diffondere il virus? La lista delle domande, in realtà, sarebbe molto lunga ma il commissario avrà certamente ben altro a cui pensare, ad esempio, affrettarsi ad acquistare nuovi tamponi, magari più attendibili.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top