Emergenza pandemia

Covid, ospedale Corigliano Rossano: aumentano i pazienti ma personale ridotto all’osso

L’Annunziata è saturo mentre Cetraro, Acri e Rogliano hanno segnato il passo. Al Giannattasio, però, circa due terzi dei camici bianchi destinato al reparto è stato trasferito

913
di Matteo Lauria
28 agosto 2021
17:00
L’ospedale di Rossano
L’ospedale di Rossano

Situazione di nuovo allarme nell’ospedale spoke di Corigliano-Rossano trasformato, in questa fase, in un unico punto di riferimento Covid dell’intera provincia di Cosenza considerato che, l’Annunziata è saturo di posti mentre Cetraro, Acri e Rogliano hanno segnato il passo.

In riva allo jonio esiste una postazione Covid con 38 posti letto, dotati di macchinari adeguati al trattamento dei pazienti con problemi respiratori, ma dei 21 infermieri e 8 medici presenti quando la divisione era a pieno regime oggi ne sono operativi pressoché un terzo. E tutto questo mentre continuano a pervenire dall’intero territorio provinciale pazienti Covid quasi tutti con la variante delta.


In queste ore ci sono due pazienti affetti da coronavirus in pronto soccorso e altri due stanno per arrivare direttamente in reparto. Il personale, tuttavia, non è grado di reggere all’urto, occorre recupere quei camici bianchi sottratti al reparto e destinati in altre postazioni. La situazione è stata rappresentata ai vertici dell'Asp di Cosenza che si spera possano assumere decisioni adeguate allo stato emergenziale. 

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top