Violenza in carcere

Giornata di follia nel penitenziario di Paola: agente viene aggredito, un detenuto lo difende e viene a sua volta picchiato

Il Sappe denuncia: «In Calabria nei primi mesi del 2024 oltre settanta agenti feriti e dodici proteste collettive. Servono provvedimenti urgenti»

19
di Redazione Cronaca
15 giugno 2024
19:57

Giornata di follia nel carcere di Paola dove un poliziotto è stato aggredito da un detenuto. La denuncia arriva da Salvatore Panaro, vicesegretario regionale per la Calabria del Sindacato autonomo polizia penitenziaria: «All'apertura di una cella, un detenuto, proditoriamente e senza alcun motivo, si è scagliato contro l’agente di servizio, aggredendolo, afferrandolo per il collo e spingendolo per diversi metri. Sembrerebbe che l’aggressore sia affetto da problematiche psichiatriche. Per fortuna il collega è riuscito a divincolarsi dall'aggressione, anche grazie all'intervento di un altro detenuto presente intervenuto in soccorso all'unità di polizia penitenziaria».

«Ma, prosegue il sindacalista, proprio a seguito dell’intervento a difesa di un agente, quel detenuto è stato successivamente aggredito da altri detenuti e questo episodio riveste carattere di gravissima rilevanza».


 Per Panaro, «occorrerebbe che i detenuti violenti, che pensano il carcere come luogo di villeggiatura dove poter commettere reati, vengano trasferiti immediatamente fuori regione. Negli ultimi tempi stiamo assistendo ad un cambiamento sociale, dove il male è visto come bene e viceversa, dove all'esterno del carcere il reato è cattivo ed all'interno chi ha commesso reato sia buono».

«I detenuti che trasgrediscono le regole o peggio ancora che aggrediscono la Polizia Penitenziaria – fa presente il sindacalista - devono essere perseguiti a norma di legge ma soprattutto scardinati dal contesto ove si sentono appoggiati da altri reclusi amici e quindi forti di questo, non esitano a commettere altri reati».

Per Donato Capece, segretario generale del Sappe, «la situazione penitenziaria regionale e nazionale fa, ogni giorno di più, emergere la tensione che è non più latente ma palese ed evidente. Bisogna intervenire con celerità, a tutela dei poliziotti penitenziari, orgoglio non solo del Sappe e di tutto il Corpo ma dell’intera Nazione». Ed evidenzia: «Nel Distretto penitenziario calabrese, nel solo primo quadrimestre del 2024, una marea di eventi critici tra le sbarre delle carceri regionali: 236 resistenze ed ingiurie, un atto intimidatorio contro un agente, 12 proteste collettive con battitura. Ben 76 i poliziotti feriti con prognosi fino a 7 giorni, 2 con prognosi di oltre i 20 giorni».

Torna quindi a sollecitare «provvedimenti urgenti», a cominciare da «un inasprimento di pena per i detenuti che aggrediscono il personale di Polizia Penitenziaria durante la permanenza e l’espiazione di pena in carcere». «Serve, forte ed evidente, la presenza dello Stato, che non può tollerare questa diffusa impunità, e servono provvedimenti urgenti ed efficaci», conclude il leader del primo Sindacato dei baschi azzurri, che si appella ai vertici del Dap affinché creino le condizioni «per ristabilire ordine e sicurezza, attuando davvero quella tolleranza zero verso quei detenuti violenti che, anche in carcere, sono convinti di poter continuare a delinquere nella impunità assoluta».

 

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all news Guarda lo streaming di LaC Tv Ascola LaC Radio
top