Diretto in Sicilia con droga e coltello, arrestato a Villa San Giovanni 20enne lombardo

Sottoposto a controllo appena sceso da un treno proveniente da Milano, è stato anche multato per aver violato il divieto di spostamento previsto dall'ultimo Dpcm

14
di Redazione
9 dicembre 2020
08:35

Un giovane di 20 anni, residente a Massalengo (Lodi), è stato arrestato dai finanzieri del Comando provinciale di Reggio Calabria per detenzione di sostanze stupefacenti e porto abusivo d’arma.

 


Già noto alle forze dell’ordine poiché destinatario di un “avviso orale” emesso dal Questore di Lodi lo scorso 11 novembre, è stato notato dai militari mentre si aggirava in maniera sospetta nei pressi della stazione ferroviaria di Villa San Giovanni.

 

Il giovane, sceso da un treno proveniente da Milano, era diretto agli imbarcaderi, per raggiungere la città di Messina: è stato pertanto controllato al fine di riscontrare la regolarità del suo spostamento, in relazione alle prescrizioni e ai divieti connessi all’emergenza sanitaria in atto. Nel corso del controllo, il ventenne ha manifestato alcuni segni di nervosismo e pertanto è stato sottoposto ad una perquisizione personale all’esito della quale è stato trovato in possesso di un coltello a scatto, con una lama di 10 centimetri, e di 48,3 grammi di marijuana, contenuti in tre sacchetti occultati nel bagaglio a mano.

 

All’esito delle operazioni, eseguite con l’ausilio del cane antidroga “Edin”, i militari della Compagnia di Villa San Giovanni hanno arrestato il viaggiatore per la violazione della normativa in materia di stupefacenti e per il possesso di armi illecite e gli hanno, inoltre, contestato una sanzione amministrativa per non aver osservato il divieto di spostamento, consentito, in relazione all’emergenza sanitaria, soltanto per motivi di salute, lavoro e in casi di urgenza e necessità.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio