Muore dandosi fuoco mentre viene filmata, i genitori: «Crema, ti perdoniamo»

Le parole dei congiunti della 39enne calabrese deceduta dopo il drammatico gesto. Alcuni passanti, invece di prestare soccorso, avrebbero ripreso la scena con i telefonini

33
di Redazione
6 agosto 2020
08:01
Il luogo della tragedia, foto ansa
Il luogo della tragedia, foto ansa

«La città di Crema , i suoi abitanti non hanno nulla da vergognarsi. Da voi nostra figlia è stata accolta bene e trattata altrettanto bene». A parlare sono i genitori della donna di 39 anni, ospite di una comunità per malati psichiatrici che sabato scorso si è data fuoco, uccidendosi, in un campo di Crema mentre, secondo un testimone, alcuni passanti, invece che prestare soccorso, filmavano la tragedia con i loro telefonini.

«Siamo cristiani e li perdoniamo - afferma la coppia a la Provincia di Cremona - e abbracciamo la città che ha accolto nostra figlia». La testimonianza del soccorritore che ha raccontato dei filmati con i telefonini era stata postata sul proprio profilo Facebook dal sindaco di Crema, Stefania Bonaldi la quale si era chiesta. «Chi siamo diventati?».
Secondo il quotidiano, inoltre, la Procura di Cremona potrebbe ipotizzare il reato di omissione di soccorso nei confronti di chi non è intervenuto.  

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio