Trovata morta in casa a Santa Sofia, ad ucciderla un'emorragia celebrale

Sarebbe deceduta per cause naturali la 42enne lituana, il cui corpo è stato rinvenuto nella propria abitazione. A vegliarla, il compagno ubriaco e in stato di shock

9
di Salvatore Bruno
3 aprile 2018
09:21

Per la conferma bisognerà attendere l’esito dell’autopsia, ma la morte di Ina Jurjeva, bracciante agricola di origine lituana di 42 anni, sarebbe dovuta a cause naturali. Forse ad una emorragia celebrale causata dall’abuso di alcol. Il cadavere della donna è stato rinvenuto nella mattina del sabato santo nella sua casa di Santa Sofia d’Epiro. A vegliarla c’era il compagno convivente, un cittadino di nazionalità ucraina di 43 anni, Krysto Rublan, ubriaco ed in stato confusionale.

Nessun segno di aggressione sul corpo della donna

Sul posto, allertati da un amico della coppia, erano intervenuti i carabinieri della locale stazione e della compagnia di San Marco Argentano. L’ipotesi iniziale dell’omicidio con il passare delle ore ha perso consistenza: il medico legale non ha trovato segni di violenza sul corpo della vittima né vi erano in casa elementi che potessero far pensare ad una colluttazione. Il caso è in mano alla procura di Castrovillari. Nessun provvedimento restrittivo è stato emesso nei confronti di Krysto Rublan, attualmente ospite di alcuni suoi conoscenti.


Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio