Doping nel body building e nel fitness, perquisizioni anche a Cosenza

I 20 indagati rispondono di traffico anche internazionale di sostanze dopanti e analizzanti nell’inchiesta Anabolica condotta dai carabinieri

3
di Redazione
16 aprile 2021
13:01

I carabinieri del Nas di Parma e del nucleo investigativo di Modena hanno eseguito perquisizioni nei confronti di 20 persone nell'ambito di un'inchiesta, chiamata Anabolica, con 49 indagati. I 20 rispondono di traffico anche internazionale di sostanze dopanti e analizzanti, nel mondo del body building e del fitness. Le perquisizioni sono state fatte nelle province di Modena, Caserta, Roma, Trento, Benevento, Bolzano, Milano, Savona, Pisa, Siracusa, Cosenza e Pordenone.

L'indagine, coordinata dal pm Francesca Graziano, prende le mosse dall'arresto, il 6 gennaio 2019, di un culturista e preparatore atletico modenese, trovato con grandi quantità di sostanze vietate. È stato quindi ricostruito il suo ruolo e il commercio di sostanze dopanti, che ha poi consentito di identificare altri sospetti fornitori e di individuare altri atleti e preparatori atletici risultati inseriti nel mondo delle sostanze dopanti come utilizzatori. Le attività hanno riguardato una ditta romana, attiva nel settore delle pulizie e disinfezioni di uffici pubblici e privati, utilizzata per la distribuzione nel territorio nazionale delle sostanze.


Le perquisizioni sono state eseguite anche nei confronti del proprietario e dei gestori di una palestra campana, ritenuti presunti rivenditori di farmaci ad effetto dopante e stupefacente, e di due atleti iscritti alla Federazione Internazionale di Bodybuilding e Fitness, presunti assuntori. Sono stati trovate e sequestrate sostanze dopanti e, in alcuni casi, piccole quantità di cocaina e marijuana.

 

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top