L’appello

Elezioni comunali in Calabria, i vescovi: «No a logiche clientelari di stampo malavitoso»

È quanto contenuto nel documento della Conferenza episcopale calabra che ha focalizzato anche l'attenzione sul «grave disagio in cui versano i lavoratori stagionali delle Terme Luigiane di Acquappesa»

34
9 giugno 2022
12:22
Mons. Morrone, presidente della Conferenza episcopale calabra
Mons. Morrone, presidente della Conferenza episcopale calabra

«La tornata elettorale di domenica prossima, che coinvolge gli elettori calabresi nel rinnovo di 75 amministrazioni comunali e chiede loro di esprimere un parere su cinque quesiti referendari, dovrà essere affrontata con maturità civica e coscienza cristiana, orientando le proprie preferenze soltanto alla luce della ricerca dei beni comuni e non di pericolosi tornaconti che spesso alimentano logiche clientelari di stampo malavitoso».

Lo afferma, in un documento, la Conferenza episcopale calabra riunita a Catanzaro. «Anche la convocazione referendaria - secondo la Cec - merita un serio e attento discernimento». I vescovi di Calabria chiedono a tutti «di approfondire responsabilmente i cinque quesiti oggetto di voto, al fine di maturare una scelta consapevole». 
    
Nel corso dei lavori, i vescovi hanno dato vita a «un confronto sui temi di rilevanza pastorale emersi durante l’ultima Assemblea generale della Cei, svolta a Roma dal 23 al 27 maggio scorso. Ampia e approfondita riflessione - si legge -  è stata riservata alle istituzioni accademiche ecclesiastiche calabresi e in particolare sull’Istituto Teologico “S. Pio X”. È stato approvato il piano di realizzazione del sito web istituzionale della Conferenza episcopale calabra e ribadita l’urgenza del rinnovo del Protocollo d’intesa con la Regione Calabria per la tutela e la valorizzazione dei Beni Culturali, proseguendo i contatti già avviati nei mesi scorsi. Viva attenzione - prosegue la nota -  è stata posta alla situazione di grave disagio in cui versano i lavoratori stagionali delle Terme Luigiane di Acquappesa e quelle di Lamezia».


I vescovi auspicano che «le istituzioni preposte, in particolare la Regione e i Comuni interessati, trovino al più presto una soluzione definitiva e sostenibile per garantire il mantenimento dei posti di lavoro. Nel contempo, hanno espresso sincera vicinanza ai professionisti che vivono mesi di angoscia a causa della perdita del proprio lavoro. Nel corso dei lavori sono stati anche presentati il regolamento del servizio regionale per la tutela dei minori e le iniziative diocesane correlate allo stesso servizio».

Dopo aver ascoltato la relazione del coordinatore del servizio regionale, «è stata condivisa l’urgenza di continuare a prestare ulteriore attenzione ai Centri di Ascolto costituti nelle singole diocesi. Si è discusso sulle attività dei Tribunali ecclesiastici calabresi; sono stati ascoltati - si legge infine - i referenti del Progetto Confido sull’affido e le adozioni, presentato dal Forum delle Famiglie, e i referenti del Progetto Policoro».

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top