Fece ritrovare il cadavere di Lea Garofalo: ora minaccia il suicidio in carcere

A riferirlo è l’avvocato del giovane Carmine Venturino che chiede che vengano prese misure adeguate

di Redazione
7 dicembre 2015
10:20

Avrebbe minacciato di togliersi la vita Carmine Venturino, il pentito 35enne che collaborò per ritrovare il cadavere di Lea Garofalo. Secondo quanto riportato sul Quotidiano della Calabria, l’avvocato del giovane, Claudia Conidi, avrebbe chiesto al procuratore distrettuale antimafia aggiunto di Catanzaro, Vincenzo Luberto, al suo sostituto Domenico Guarascio, che ha competenza sul Crotonese, al Servizio centrale di protezione che vengano prese misure adeguate.


Il padre di Venturino morì suicida nel giugno 2014 dopo aver visto una trasmissione televisiva sul caso di Lea nel corso della quale furono mandati in onda passaggi della testimonianza del figlio.


COMMENTI
GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top