Fiaccole, commozione e dolore. Civita ricorda i morti delle gole del Raganello

Ad un mese dalla tragedia, il borgo omaggia le dieci vittime. Il sindaco Tocci: «Ricordiamo chi non c’è più»

443
20 settembre 2018
21:11
Fiaccolata a Civita
Fiaccolata a Civita

E' passato un mese dalla tragedia delle Gole del Raganello in cui morirono dieci persone travolte da un'onda di piena e la comunità di Civita, il centro in cui si verificò la tragedia, si è ritrovato per celebrare una giornata a ricordo delle vittime. «Vogliamo ricordare chi non c'è più - ha detto il sindaco, Alessandro Tocci - e di comune accordo con il nostro parroco e l'Eparca della Diocesi di rito greco bizantino abbiamo deciso di dedicare l'intera giornata alla memoria, alla fede e alla speranza affinché cose del genere non accadano mai più».

 

«È doveroso - ha detto, durante la funzione, l'eparca mons. Donato Oliverio - vivere il dolore. Lo viviamo e lo facciamo nostro il dolore dei familiari offrendo loro la nostra vicinanza fatta di preghiera. Ci dia forza e consolazione la fede in Dio». Alla commemorazione, cui ha fatto seguito una fiaccolata, sono intervenuti anche il presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio, ed il prefetto di Cosenza, Paola Galeone.

LEGGI ANCHE: Raganello, il Senato osserva un minuto di silenzio per le vittime

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio