Fratelli scomparsi, padre e figlio indagati dopo i dissidi con i Mirabello per un orto

VIDEO | Svolta nelle indagini sulla scomparsa di Davide e Massimiliano in Sardegna: i carabinieri stringono il cerchio sui vicini di terreno

229
di Agostino Pantano
19 febbraio 2020
12:45

Ci sono due indagati, padre e figlio allevatori di bestiame, nell’inchiesta per la scomparsa e il sospetto omicidio di Davide e Massimiliano Mirabello. Joselito e Michael Marras, la cui proprietà sorge nei pressi del terreno che circonda la casa abitata dai fratelli originari di San Gregorio D’Ippona, erano da tempo in rotta con gli scomparsi, e da qui gli investigatori sono partiti fino ad arrivare al sequestro della loro auto.    

I carabinieri del Ris stanno analizzando il mezzo per capire se vi siano tracce – in particolare sangue - che combacino con quelle trovate nel luogo della scomparsa, 10 giorni fa. I corpi dei due fratelli non si trovano, ma l’iscrizione nel registro degli indagati degli antagonisti di sempre sembra confermare la dinamica di quello che gli specialisti chiamano “delitto chiuso”.


LEGGI ANCHE: 
Fratelli calabresi scomparsi, parla la sorella: «Basta sciacalli, aiutateci»

Ipotesi di reato che hanno un unico possibile teatro e un unico terribile movente: la campagna sarda e quell’orto annesso al casolare dove abitavano i Mirabello, origine di scontri che avevano portato a diverse denunce.

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio