Fuggono all'alt e minacciano i carabinieri, due arresti nel Reggino

Due pregiudicati residenti a Sinopoli sono stati fermati con l’accusa di resistenza, violenza e minacce al pubblico ufficiale

58
di Redazione
2 ottobre 2019
12:13

I carabinieri delle stazioni di Sant’Eufemia d’Aspromonte e di Sinopoli hanno arrestato Antonino Barillà, 30 anni, e Giuseppe Cannizzaro, 36 anni, entrambi residenti a Sinopoli e pregiudicati, con l’accusa di resistenza, violenza e minacce a pubblico ufficiale. I due, lunedì sera, si trovavano a bordo di una Audi A3 guidata da Barillà quando, giunti nei pressi del centro abitato di Sant’Eufemia d’Aspromonte, si sono imbattuti in un posto di controllo dell’Arma composto da due pattuglie.

 

Il conducente del veicolo, all’alt dei carabinieri, ha accelerato improvvisamente la marcia, mettendo anche a repentaglio l’incolumità dei militari, che sono stati costretti a scansarsi per non essere investiti. Ne è nato un inseguimento durante il quale il conducente ha effettuato manovre pericolose per l’incolumità propria e degli altri automobilisti nel tentativo di seminare i carabinieri che, grazie ad un perfetto coordinamento tra le pattuglie e una manovra da manuale, sono riusciti a bloccarlo nel centro urbano.

 

Anche dopo essere stati fermati, i due hanno tentato di sottrarsi all’arresto minacciando e cercando di colpire i militari dell’Arma, che sono riusciti ad ammanettare i fuggitivi, traendoli in arresto con l’accusa di resistenza, violenza e minacce a pubblico ufficiale. Al termine delle formalità i due sono stati posti agli arresti domiciliari presso le proprie abitazioni.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio