Gioia Tauro, rinvenuto dai carabinieri un arsenale: eseguiti due arresti

Sequestrati fucili di cui uno a pompa, pistole, due revolver e centinaia di munizioni. Passati al setaccio abitazioni e terreni

129
di Redazione
19 giugno 2021
08:36
Le armi sequestrate
Le armi sequestrate

Un arsenale sequestrato e due arresti. È questo l'esito del controllo effettuato dai carabinieri del gruppo di Gioia Tauro supportati daquelli dello Squadrone Eliportato Cacciatori Calabria e del Nucleo Cinofili di Vibo Valentia, oltre che dal personale del Gruppo Operativo Speciale dei Vigili del Fuoco di Reggio Calabria.  

Le attività di ricerca si sono svolte con il controllo di abitazioni e terreni, che sono stati setacciati in maniera minuziosa anche attraverso gli scavi effettuati con i mezzi messi a disposizione dai vigili del fuoco. In pratica abitazioni, garage, rimesse, fondi agricoli, terreni incolti e zone adibite alla custodia degli animali, controllati in ogni loro recondito nascondiglio, con l’obiettivo di trovare quelle armi che potevano rappresentare gli strumenti di intimidazione della criminalità organizzata.


Le armi sequestrate

Nel complesso, i militari dell’Arma impiegati nelle operazioni sono riusciti a sequestrare due fucili, di cui uno a pompa connotato dall’impressionante potenziale balistico, quattro pistole semiautomatiche, due revolver e centinaia di munizioni. Tutte le matricole delle armi erano state rimosse e, pertanto, queste per la legge sono considerate di natura clandestina. Il materiale balistico recuperato dai Carabinieri riguarda anche di pezzi e munizioni per il mitragliatore russo Kalashnikov oltre a diversi silenziatori per armi lunghe e corte. La necessità di detenere i soppressori di rumore per le armi da fuoco, trova la sua ragione nelle esigenze della criminalità organizzata, orientata a porre in essere agguati e intimidazioni attuando ogni possibile precauzione per ostacolare le indagini.  

L’arsenale in questione è stato recuperato in diversi siti disseminati per la città, ad esempio, all’interno di un locale adibito all’allevamento intensivo dei conigli, dove in uno dei classici contenitori a tenuta stagna per custodire le armi sotto terra, i carabinieri sono riusciti a recuperare un silenziatore da arma lunga, una pistola con matricola abrasa, alcune componenti del fucile mitragliatore AK-47,meglio noto come kalashnikov, e centinaia di proiettili di vario calibro, anche da guerra. In un garage di un’abitazione, all’interno di un vecchio forno in disuso, accatastato tra i rifiuti, è stato recuperato il fucile a pompa cal. 12 con la matricola punzonata, oliato e pronto all'uso. In un altro sito ancora, all’interno di un capannone in lamiera, apparentemente dismesso, sono state rinvenute due pistole cariche e in perfetto stato di conservazione, anch’esse private di ogni riferimento matricolare. Anche la cuccia di un pitbull era stata considerata il luogo ideale per nascondere le armi clandestine, tanto che nelle sue componenti strutturali sono state recuperate altre tre pistole con la matricola abrasa.   

Gli arresti

Per i reati connessi alla detenzione illegale e clandestina di armi, i militari hanno dichiaratoin stato di arresto il trentottenne C.R. ed il sessantacinquenne G.A., già gravati da precedenti penali, i quali sono stati trasferiti nella casa circondariale di Palmi a disposizione dell’Autorità Giudiziaria della Procura della Repubblica di Palmi, che coordina le indagini.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top