Inps Caulonia, ridotta la misura interdittiva ai dipendenti “furbetti del cartellino”

Il gip del Tribunale di Locri ha accolto l'istanza della difesa: in ufficio le pratiche erano espletate «in modo regolare e tempestivo» e vi era un «alto standard di efficienza». Tra pochi giorni riprenderanno le attività 

103
di Redazione
6 aprile 2021
19:18

Accogliendo l’istanza della difesa, il gip del Tribunale di Locri ha ridotto a 4 mesi la misura interdittiva della sospensione dalle attività inerenti il pubblico impiego, eseguita il 21 dicembre dello scorso nell'ambito dell'operazione "Kaulon Badge" nei confronti di cinque dipendenti della sede Inps di Caulonia.

In particolare, il Gip ha rilevato che, anche alla luce delle sommarie informazioni raccolte dalla difesa (il collegio è composto dagli avvocati Giuseppe Gervasi, Domenico Albanese e Vincenzo Sorgiovanni), le pratiche in cura presso la sede Inps di Caulonia sono state espletate «in modo regolare e tempestivo» e che «presso detto Ufficio è stato mantenuto un alto standard di efficienza».


Secondo il gip cautelare, tali circostanze hanno trovato conferma nella «specifica analisi dei dati sulla produttività» acquisiti dalla difesa presso la Direzione Provinciale Inps di Reggio Calabria. Tra pochi giorni, dunque, l’Ufficio Inps di Caulonia riprenderà la sua ordinaria attività. Difatti, la sospensione cautelare dal servizio applicata dall’Inps è conseguita alla applicazione della misura interdittiva. Venendo meno la misura cautelare, perde efficacia anche il provvedimento disciplinare.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top