Lamezia, abusivismo e disboscamento in area soggetta a vincolo: 2 denunce

Ad accorgersi di quanto stava accadendo i Carabinieri Forestali che hanno deferito proprietario e tecnico progettista all’autorità giudiziaria

25
di T. B.
7 marzo 2020
13:22

Non solo stavano costruendo senza avere i necessari titoli abilitativi, ma avevano anche disboscato circa 1500 metri quadri di superficie boschiva in una zona soggetta a vincolo paesaggistico.

 

È quanto hanno accertato i Carabinieri Forestali di Lamezia Terme in località Santa Maria dove hanno individuato il manufatto edilizio abusivo. Per realizzare la struttura in cemento armato, in corso di costruzione e di forma irregolare su una superficie complessiva di circa 250 metri quadri, è stato anche necessario costruire una rampa di accesso con lo sbancamento di altri 300 metri quadri.

 

In particolare i militari, individuato il manufatto, con l’ausilio anche di tecnici del Comune di Lamezia Terme hanno accertato che la documentazione presentata era totalmente difforme rispetto a quanto si stava realmente costruendo.

 

L’edificio, oltre agli aspetti connessi con la distruzione di vegetazione boschiva, parimenti vincolata, è in una zona sottoposta a vincolo paesaggistico. Si tratta di un’area collocata a meno di 150 metri dal Torrente Cantagalli, iscritto anche nell'elenco delle acque pubbliche. Eseguiti gli accertamenti e i rilievi di rito il proprietario – committente dei lavori e il tecnico progettista per violazione delle norme urbanistico edilizio e paesaggistico-ambientali, sono stati deferiti all’autorità giudiziaria e l’immobile è stato sequestrato.

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio