Lamezia, la Regione chiede indietro il fondo di 40mila euro per persone disabili

Il Comune non si sarebbe attenuto al protocollo d’intesa nell'ambito del “Progetto Sperimentale di vita indipendente” e non avrebbe risposto alle sollecitazioni né presentato rendicontazioni

27
di Tiziana Bagnato
6 febbraio 2021
14:42

Nessuna relazione sullo stato dell’arte, nessuna risposta alle sollecitazioni della Regione Calabria che chiedeva come fossero stati spesi i soldi erogati e uno straccio di rendicontazione. Sono queste le motivazioni espresse dalla Cittadella nell’atto ingiuntivo con il quale viene richiesta al Comune di Lamezia la restituzione di 40 mila euro, erogati tramite fondo ministeriale, per il “Progetto Sperimentale di vita indipendente” per persone con disabilità. Annualità 2014.

Ma non solo. Una volta ricevuta comunicazione del procedimento, a novembre 2019, da via Perugini non sarebbe stata avviata alcuna osservazione. Entro trenta giorni dalla notifica l’amministrazione dovrà, quindi, restituire il fondo, insieme agli interessi legali.


Sfuma così la possibilità di avviare progetti per l’autonomia di soggetti con disabilità e via Perugini dimostra ancora una volta notevoli pecche di tipo amministrativo.

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top