Lamezia Terme, l’inclusione dei rom passa anche dalle colonie estive

VIDEO | Ieri la chiusura delle attività sostenute dall’amministrazione e condotte dall’associazione di volontariato “Donne e Futuro”

7
di Tiziana Bagnato
1 ottobre 2020
15:08

Dal mare, a molti sconosciuto, a un gelato in una località turistica. Spensieratezza e per molti quotidianità nelle calde giornate estive, ma non per tutti. Non per chi vive ai margini della società, ghettizzato in accampamenti e quartieri degradati.

 

Ecco perché attività come quelle portate avanti da associazioni no profit quali “Donne e Futuro” diventano raggi di luce e speranza in un mondo complesso e pieno di ombre che spesso viene lasciato a se stesso. Sono stati i bambini di origine rom residenti nel quartiere Ciampa di Cavallo e nel campo di Scordovillo i beneficiari delle colonie sostenute dal Comune di Lamezia Terme.

 

Nella Concattedrale di Lamezia Terme, che da poco ha aperto loro le porte offrendo all’associazione che si occupa di questa minoranza da venti anni sostegno e locali, si è celebrata la fine delle attività estive. Un’estate iniziata tra un intoppo burocratico e l’altro in ritardo, dopo il 15 agosto, ma pur sempre partita dopo due anni di stop durante il periodo di commissariamento del Comune. Un bagno e un gelato a Pizzo, a Falerna, a Jacurso, un giro sulla ruota panoramica di Vibo e una visita al museo: lo raccontano entusiasti i piccoli durante la festa di chiusura delle attività. Musica, giochi, attività per continuare a stare insieme fuori dai soliti contesti con la regia delle due volotnarie storiche di "Donne e Futuro" Karin Faisteneuer e Bianca Lillo. 

 

E ora che è iniziata la scuola si pensa anche a lavorare su questo aspetto da troppi anni deficitario. Scarsa la frequenza scolastica, tanti coloro che abbandonano il corso di studi. Ora nella nuova sede dell’associazione all’interno della Concattedrale di Lamezia, guidata da don Domenico Cicione, inizierà il dopo scuola e si cercano volontari per sostenere questa e altre attività. Un modo per rompere gli stigma e fornire a chi è più fragile strumenti per rendersi autonomo e realizzare i propri sogni.

 

Presente all'incontro per il Comune Giancarlo Nicotera, presidente  della Terza Commissione Consiliare Comune di Lamezia Terme (Servizi Sociali, Ambiente, Sanità), che ha lodato il lavoro dell'associazione. 

 

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio