Lamezia, accuse ridimensionate per maestra e bidella arrestate: tornano libere

Il Tribunale del Riesame ha derubricato il reato in abuso dei mezzi di correzione o di disciplina. Entrambe erano accusate di maltrattamenti

di T. B.
27 aprile 2019
14:12

Da maltrattamenti aggravati ad abuso dei mezzi di correzione o di disciplina. Il Tribunale del Riesame si è espresso così sull’insegnante e la collaboratrice scolastica della scuola dell’Infanzia interna all’Istituto Comprensivo Saverio Gatti di Lamezia Terme arrestate lo scorso 30 marzo nell’ambito di un’operazione eseguita dalla Polizia di Stato.

 

L’insegnante Rosa Coccimiglio, difesa dagli avvocati Salvatore Cerra e Rossella Bonaddio e la collaboratrice scolastica Maria Pulice, difesa dall’avvocato Antonio Larussa, erano agli arresti domiciliari.

 

Ora la decisione di revocare la misura cautelare. Il reato di abuso dei mezzi di correzione o di disciplina non contempla l’ipotesi di maltrattamenti sui piccoli.

 

LEGGI ANCHE:

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio