Lamezia, l'Unione ciechi dopo lo sfratto incontra il commissario Alecci

Avrebbe saputo della vicenda solo tramite i giornali. Nel confronto ha rassicurato la presidente Loprete sulla risoluzione: l’associazione potrebbe non dovere lasciare l’appartamento confiscato alla mafia

11
di Tiziana Bagnato
14 dicembre 2018
14:52

«Un incontro rasserenante, proficuo e propositivo». Così Luciana Loprete, presidente dell’Unione italiana ciechi e ipovedenti di Catanzaro, commenta l’incontro avvenuto questa mattina con il commissario prefettizio Francesco Alecci dopo avere ricevuto via pec l’invito a lasciare l’immobile confiscato alla criminalità organizzata in cui l’associazione operava da tredici anni. Diversi i tentativi di interloquire con la terna commissariale, aveva denunciato Loprete, sia via pec per che vie informali ma trovando solo un rigoroso silenzio. Poi grazie all’impegno dei parlamentari Viscomi e Granato oggi l’incontro.


Il commissario Alecci avrebbe affermato di essere avvenuto a conoscenza dello sfratto solo dalle testate giornalistiche e di non esserne stato informato dimostrandosi disponibile ad una risoluzione della cosa. Ma, sottolinea a LaCNews24, Loprete l’associazione non abbasserà la guardia finché non si approderà ad una soluzione del caso.

 

LEGGI ANCHE: Lamezia, l’Unione ciechi sfrattata dalla propria sede senza spiegazioni

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio