Operaio morto al Porto di Gioia, il commissario Agostinelli: «La sicurezza? Una priorità»

In una lettera aperta esprime cordoglio alla famiglia di Agostino Filandro, travolto da una gru venerdì scorso, assicurando: «La dinamica della tragedia appare chiara ed è all’attenzione degli inquirenti e della magistratura»

24
di Redazione
24 giugno 2019
16:26

«È il momento del dolore e del cordoglio di tutta la comunità portuale verso la famiglia di Agostino Filandro. E non è il momento di rispondere alle polemiche accese da qualcuno, proprio nel momento delle esequie di Agostino». È quanto scrive Andrea Agostinelli, commissario straordinario dell’Autorità portuale di Gioia Tauro, in una lettera aperta a riguardo della morte di Agostino Filandro, accaduta lo scorso venerdì a Gioia Tauro. L’uomo si trovava in un cantiere-nautico, quando una gru lo ha travolto mortalmente.

Le polemiche all'indomani dell'incidente

Agostinelli prosegue la missiva dichiarando che le polemiche suscitate in questi giorni sono state poste «in un momento sbagliato, superficiali, perfino strumentali, anche se la dinamica della tragedia appare chiara ed è all’attenzione degli inquirenti e della magistratura». «Ci sarà il momento per approfondire la questione del numero dei controlli per accedere al porto e della istituzione di un Presidio sanitario all’interno dell’area portuale di Gioia Tauro. Abbiamo le carte, incontrovertibili, a disposizione di chiunque» ha poi affermato, sottolineando quanto sia importante la sicurezza sul lavoro: «È prioritaria e ce ne facciamo carico giornalmente. Non ci sarà il rilancio del porto senza sicurezza. Le imperfette condizioni dei piazzali sui nostri terminal e dei mezzi meccanici sono state oggetto – in un recentissimo passato – di accurati accertamenti di concerto con il personale della Capitaneria di porto ed il Servizio prevenzioni infortuni e sicurezza di Palmi, nonché di costosissime perizie affidate ad Agenzie esterne. Il risultato? Il terminalista si accinge alla demolizione delle gru inservibili, alla sostituzione dei mezzi obsoleti e presto riprenderanno i lavori per il rifacimento del manto di asfalto e delle vie di accesso». 

La sicurezza «è prioritaria»


Quindi il commissario aggiunge: «Nei nostri terminal, gli estranei non accedono alle banchine se non accompagnati, e comunque non durante le delicate operazioni di accosto e disormeggio delle navi, curate dai servizi tecnico-nautici specializzati e professionali sotto il coordinamento di un’Autorità Marittima attenta a vigilare ogni aspetto della sicurezza portuale. Ed è nostra intenzione – conclude Agostinelli - nell’ambito dell’organizzazione del lavoro, che l’obiettivo della produttività, che tutti perseguiamo dopo anni di crisi e di licenziamenti, non può essere barattato con una minore sicurezza di chi opera nelle nostre banchine». 

 

LEGGI ANCHE: 

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio