Attivita’ giudiziaria

Malaffare e illecito arricchimento, il Cosentino nel mirino della procura

Le ultime inchieste vanno nella direzione tracciata dall'ufficio inquirente coordinato dal procuratore capo Mario Spagnuolo. L'impegno dei magistrati e della polizia giudiziaria sia nel mondo imprenditoriale che nella pubblica amministrazione

28
di Antonio Alizzi
16 giugno 2022
07:30
Il procuratore capo Mario Spagnuolo
Il procuratore capo Mario Spagnuolo

Cosenza e provincia nell’occhio dell’attività giudiziaria. È facilmente desumibile dalle tante inchieste contro l’illecito arricchimento patrimoniale e la pubblica amministrazione, che hanno visto (e vedranno) impegnata la procura di Cosenza in questi ultimi anni. Indagini complesse che sono state coordinate con attenzione dai magistrati guidati dal procuratore capo Mario Spagnuolo e condotte dagli organi di polizia giudiziaria, capaci di “leggere” la matassa documentale che spesso cela grandi imbrogli fiscali.

Queste inchieste hanno dato la possibilità di accendere i riflettori investigativi su un mondo sociale ed economico che spesso agisce nell’ombra, pensandola di farla franca. E ciò porta a considerare le procure territoriali l’unico efficace strumento per lo Stato affinché vengano recuperati ingenti somme di denaro acquisite in maniera del tutto illecita. Basti pensare alle inchieste che partono dai fallimenti di società nate, il più delle volte, per frodare l’Erario, poi fallite, e utilizzate per far sparire soldi pubblici, o come il mancato pagamento dell’Iva, dei contributi previdenziali e dei fornitori, arricchendo di conseguenza il patrimonio personale.


Di casi del genere ce ne sono stati tanti negli ultimi anni: dal concessionario di auto di Montalto Uffugo, a cui la procura di Cosenza aveva sequestrato circa 20 milioni di euro, all’ultima attività svolta nella Valle dell’Esaro – quella del maxi-sequestro di beni immobili in diverse parti d’Italia – che sconfina anche nella Capitale con aspetti inquietanti. Sequestri che hanno riguardato anche quei soggetti che hanno costruito il proprio successo professionale nel mondo alberghiero e pure in quello edilizio, con la realizzazione di complessi residenziali e commerciali che hanno fruttato milioni e milioni di euro.

Tutte inchieste che la procura di Cosenza ha condotto con la massima incisività, come gli accertamenti investigativi posti nei confronti della sanità cosentina. Il caso che rende meglio l’idea è certamente l’inchiesta “Coopservice”, ovvero la grande cooperativa di Reggio Emilia, operante nelle strutture ospedaliere. Un processo che ora dovrà superare il vaglio dibattimentale, provando l’accusa contro la Coop emiliana di aver messo in atto una presunta truffa ai danni dello Stato con la collaborazione di alcuni dipendenti dell’Azienda ospedaliera di Cosenza, circa la fatturazione di un monte ore appaltato ma in realtà non lavorato.

Continua a leggere su cosenzachannel.it

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top