Maxi-piantagione di marijuana nelle Preserre Vibonesi: domiciliari al padre, scarcerata la figlia

Le diecimila piante, che sul mercato avrebbero fruttato non meno di 500.000 euro, previa campionatura, sono state distrutte

di G. B.
29 giugno 2017
13:57
Tribunale di Vibo Valentia
Tribunale di Vibo Valentia

Il gip del Tribunale di Vibo Valentia, Lorenzo Barracco, non ha convalidato il provvedimento di fermo di indiziato di delitto della polizia giudiziaria nei confronti di Carlo Chimirri, 58enne di Capistrano impiegato alle Poste e la figlia Nensy Vera, 25 anni, studentessa, convivente di Emanuele Mancuso, 29 anni, pregiudicato, figlio di Pantaleone Mancuso cl. 61, alias “l’ingegnere”.

 

Contestualmente ha però applicato un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari nei confronti di Carlo Chimirri, mentre nessuna misura è stata presa nei confronti di Nensy Vera, in assenza di gravità indiziaria.

 

Padre e figlia sono difesi dagli avvocati Francesco Sabatino e Francesco Capria e nei loro confronti l’accusa è quella di coltivazione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Le diecimila piante - rinvenute a Capistrano - sul mercato avrebbero fruttato non meno di 500.000 euro. Previa campionatura sono state distrutte. g.b.

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio