La tragedia nel Cosentino

Morti per esalazioni tossiche a Paola, il cordoglio del mondo politico

Il ministro Patuanelli, il sindaco di Crotone Voce e i senatori Magorno e Morra hanno affidato ai social i loro messaggi di vicinanza alle famiglie delle vittime

44
di Redazione
2 ottobre 2021
16:22

«Esprimo il cordoglio e la vicinanza della città di Crotone alla comunità di Paola colpita dal tragico incidente di questa mattina che ha causato la scomparsa di quattro persone». È il messaggio che il sindaco di Crotone, Vincenzo Voce, ha affidato alla pagina social del Comune, dopo quanto avvenuto nelle scorse ore nella cittadina del Cosentino, dove a causa delle esalazioni emanate da una vasca in cui era contenuto mosto d'uva, hanno perso la vita Santino e Massimo Carnevale, padre e figlio di 70 e 40 anni, e i fratelli Giacomo e Valerio Scofano, di 70 e 50 anni. «Ci stringiamo al dolore delle famiglie delle vittime e dell'intera comunità di Paola» conclude il primo cittadino.

Al suo si aggiunge a stretto giro il messaggio di Ernesto Magorno, senatore di Italia Viva, che così scrive sulla sua pagina Facebook: «Profondo dolore per quanto successo a #Paola dove quattro persone sono morte a causa delle esalazioni emanate da una vasca che conteneva il mosto d'uva. È una tragedia che colpisce tutta la Calabria. Vicinanza ai familiari delle vittime».


Sempre su Facebook, il ministro dell’Agricoltura Stefano Patuanelli parla di «altre inaccettabili morti sul lavoro» a proposito della tragedia di Paola. «Anche oggi hanno perso la vita quattro persone in provincia di Cosenza e ancora una volta la politica si trova a fare i conti con un bilancio non più accettabile – scrive il ministro -. Il Pnrr e la fase storica che stiamo attraversando devono dare uno stimolo decisivo al tema della sicurezza sui luoghi di lavoro. Dal ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali, un contributo lo daranno i fondi destinati alla meccanizzazione, mezzo miliardo di euro, che saranno gestiti assieme ad Inail sul modello dei bandi Isi. Ma lo sforzo deve essere complessivo, del sistema Paese, e deve passare da un dialogo tra le parti sociali». 

Così pure il presidente della commissione Antimafia Nicola Morra: «Apprendo che si è consumata l'ennesima tragedia sul lavoro. Quattro persone sono morte in Calabria a causa delle esalazioni emanate da una vasca dove era contenuto mosto d'uva. Una quinta persona è rimasta ferita gravemente ed è stata trasferita in ospedale. Un grande abbraccio alle famiglie ed a tutti i congiunti delle vittime. Non si può morire così. Se il Governo dovesse presentare un decreto legge, come ha fatto capire Draghi, valuteremo la qualità del testo, ma l'emergenza c'è tutta. Non si può morire a causa del lavoro».

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top