Lutto nel mondo del giornalismo: si è spento Gino Domenico Spolitu

L'uomo era stato a lungo presidente del Praia Calcio e di recente si era distinto per la battaglia sulla riapertura dell'ospedale di Praia a Mare. Aveva 64 anni. I funerali si terranno domani nella Chiesa Sacro Cuore

781
di Francesca  Lagatta
5 febbraio 2020
15:47
Gino Domenico Spolitu
Gino Domenico Spolitu

Se n'è andato nella notte Gino Domenico Spolitu, 64 anni, attivista politico e dei diritti civili molto noto nel territorio del Tirreno cosentino. Nelle ultime due settimane, l'uomo era stato ricoverato in diverse strutture sanitarie della zona per scompensi cardiaci e diabetici che lo affliggevano da lunghi anni e che negli ultimi due lo avevano costretto su una sedia a rotelle. Molto attivo sui social, ha documentato fino all'ultimo le sue condizioni di salute e quella della sanità calabrese.

L'ultimo post risale alla sera del 3 febbraio: «Dall'ospedale di Praia a Mare e dalla clinica Tricarico di Belvedere - ha scritto per l'ultima volta Spolitu -, voglio essere e sono testimone delle capacità di tutti i sanitari meridionali. Ribadisco sulla mia pelle che quello che manca al Sud sono i fondi per nuove assunzioni e in strutture tecniche; non si deve chiudere niente, ma favorire quel che già è poco. Sono testimone della bontà e delle preghiere di tantissima gente... ringrazio tutti dal profondo del cuore! Continuate a pregare per me ed io prometto di farcela».

Chi era Gino Domenico Spolitu

Nato nell'aprile del 1955, Spolitu è stato per un ventennio il presidente del Praia Calcio. Da appassionato di politica, ha sempre militato nei partiti di destra. Più volte consigliere comunale a Praia a Mare, dove risiedeva, nel 2012 si era candidato a sindaco con la lista civica "Futuropraia".

Era legato sentimentalmente a Consuelo, che ha sposato nell'estate di tre anni fa. Negli ultimi anni, Spolitu era diventato il volto della battaglia per la riapertura dell'ospedale di Praia a Mare, mettendo in atto anche azioni eclatanti. Si ricordano ad esempio, l'ingresso nel municipio praiese crocifisso a un palo per protesta contro l'immobilismo istituzionale e la notte passata in strada, al freddo e al gelo, per incontrare l'allora commissario ad acta alla sanità Massimo Scura. Nonostante le limitazioni imposte dalla malattia, nel 2017 era anche diventato editore del quotidiano "Il Meridione", successivamente divenuto "Il Ruggito del Meridione". Negli ultimi giorni le sue condizioni si erano aggravate in modo irreversibile. I funerali si terranno domani pomeriggio, ore 15.30, nella chiesa del Sacro Cuore di Praia a Mare. Il rito funebre partirà dalla camera ardente dell'ospedale di Cetraro.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio