Inchiesta Doppio sgarro

‘Ndrangheta a Stilo, tra gli arrestati anche il latitante Fernando Spagnolo

Era irreperibile dal 2019 a seguito della condanna all’ergastolo della Corte d’Assise d’Appello per l’omicidio di Marcello Geracitano. I NOMI delle persone finite in carcere

26
di Redazione
8 marzo 2022
09:50

C'è anche il latitante Fernando Spagnolo, di 67 anni, tra i destinatari dell'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip Giovanna Sergi nell'ambito dell'operazione "Doppio sgarro" coordinata dalla Dda di Reggio Calabria. Spagnolo risulta irreperibile dal maggio 2019 a seguito della condanna all'ergastolo emessa dalla Corte d'Assise d'Appello per l'omicidio di Marcello Geracitano avvenuto a Stilo il 16 gennaio 2005. Sentenza che lo scorso settembre è stata confermata dalla Corte di Cassazione. Il gip ha disposto il carcere anche per il figlio del latitante, Ilario Spagnolo, il nipote Gesen Spagnolo e il genero Giuseppe Furina. Tutti quanti, secondo la Dda, facevano parte della cosca operante a Stilo, nella Locride.

Doppio sgarro, gli altri arrestati

Sono finiti in carcere anche Cosimo Panetta, Giuseppe Tassone, Cosimo Tassone e Cosimo Leotta. Quest'ultimo è accusato di essere affiliato ai "Ruga-Gallace-Leuzzi", storica cosca operante nell'alto Jonio reggino, basso catanzarese e zone limitrofe. Secondo la Dda, Leotta avrebbe messo a disposizione degli associati i propri immobili per lo svolgimento dei riti di affiliazione alla 'ndrangheta e rivestito, per conto della predetta consorteria criminale, il ruolo di referente territoriale nel Comune di Stilo con la dote di "vangelo". Il gip ha disposto, inoltre, gli arresti domiciliari per Francesco Aiello e Diego Tassone.


 

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top