Inchiesta Deep

Occhiuto: «Un altro tassello importante nel contrasto ai reati ambientali. Lo Stato c’è»

Il presidente della Regione Calabria plaude all'operazione che ha portato alla denuncia di 51 persone e al sequestro di 3 depuratori: «Non possiamo consentire che il territorio venga maltrattato»

di Redazione
29 aprile 2022
16:08

«L'operazione 'Deep 1', realizzata dalla Legione Carabinieri Calabria, guidata dal generale di Brigata Pietro Francesco Salsano, con il coordinamento della Procura di Reggio Calabria, rappresenta un altro importante passo in avanti nel contrasto ai reati ambientali, che purtroppo continuano ad interessare la nostra Regione e che ogni anno devastano un patrimonio naturalistico di inestimabile valore. Fin da mio insediamento ho posto la tutela dell'ambiente al centro dell'impegno istituzionale e dell'agenda di governo della Giunta regionale, attivando tutte le sinergie necessarie a un'urgente e fondamentale inversione di rotta, anche ad esempio attraverso la collaborazione avviata a novembre con la Stazione Zoologica Anton Dohrn». Lo afferma in una nota Roberto Occhiuto, presidente della Regione Calabria.

«Un primo risultato - prosegue Occhiuto - era stato ottenuto con l'operazione 'Deep', realizzata nelle scorse settimane nei territori di Catanzaro e Vibo Valentia. Oggi, grazie al prezioso impegno di magistratura e forze dell'ordine, si aggiunge un altro tassello, con numerosi provvedimenti di sequestro, e decine di sanzioni e denunce, che se da un lato certificano una diffusa violazione delle norme ambientali, dall'altro attestano una presenza forte dello Stato. Come hanno ben detto gli inquirenti, il valore di queste operazioni è anche pedagogico e preventivo: tutti i cittadini devono sentirsi parte in causa in questa vera e propria missione che stiamo portando avanti, e che riguarda tanto la salute quanto le possibilità di sviluppo della Calabria. La Regione non può consentire più che il nostro territorio, e in particolare il nostro mare, venga maltrattato, quando dovrebbe rappresentare, invece, la più strategica delle risorse, anche in chiave economica e turistica. Esprimo, dunque, un ringraziamento e un sentimento di riconoscenza alla Legione Carabinieri Calabria, Arma Forestale e Cacciatori di Calabria e alla Procura di Reggio Calabria per questo altro decisivo intervento».  


LEGGI ANCHEDepurazione nel Reggino: «Dati preoccupanti ma i cittadini devono conoscere i rischi per la salute»

 

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top