La sentenza

Omicidio Giuseppe Nirta in Spagna: assolta la compagna

Originario di San Luca, aveva precedenti per traffico di droga ed era il fratello del presunto boss della locale di Aosta. Secondo la giuria popolare spagnola non è stata Cristina Elena Toma ad ucciderlo

1
di Redazione
5 maggio 2022
18:34

Giuseppe Nirta non è stato assassinato dalla sua compagna: è quanto stabilito la giuria popolare spagnola che ha assolto Cristina Elena Toma, originaria della Romania, per la quale la procura aveva chiesto una condanna a 21 anni di carcere e contro la quale familiari di Nirta si erano costituiti parte civile chiedendo 500 mila euro di risarcimento.

Il tribunale ha ritenuto - riporta La Verdad - che a suo carico non ci sono prove sufficienti. Resta quindi al momento ignota la mano di chi ha sparato la sera del 9 giugno 2017, fuori dalla casa Nirta ad Aguilas, nella Murcia, mentre la coppia stava rientrando a casa.


Ucciso a 52 anni, Giuseppe Nirta aveva precedenti per traffico di droga ed era stato coinvolto nell'operazione Minotauro sulla 'ndrangheta in Piemonte. Originario di San Luca (Reggio Calabria), era fratello di Bruno Nirta, per carabinieri e Dda di Torino al vertice della locale aostana di 'ndrangheta e condannato nel 2021, nel secondo grado del processo Geenna, a 12 anni 7 mesi e 20 giorni.

Sentita in aula mercoledì, Cristina Elena Toma aveva voluto ribadire la sua innocenza («sono povera, ma non sono un'assassina») auspicando che fosse fatta giustizia per il suo ex compagno. Le indagini inizialmente puntavano sulla criminalità organizzata (anche la difesa della donna ha indicato malavitosi per i quali è già scattata l'archiviazione) ma si sono poi indirizzate su Cristina Elena Toma quando sui suoi indumenti era stata trovata polvere da sparo.

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top