Omicidio Pagliuso, l’indagine passa alla Dda di Catanzaro

La decisione dopo un lungo vertice tra magistrati e investigatori diretto dal procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri. Si indaga a 360°

di Manuela Serra
14 agosto 2016
16:20

A seguire l’inchiesta sull’omicidio dell’avvocato Francesco Pagliuso barbaramente ucciso a Lamezia Terme la sera del 9 agosto sarà direttamente il procuratore aggiunto della Repubblica di Catanzaro, Giovanni Bombardieri.

 


Agguato a Lamezia, ucciso l'avvocato Francesco Pagliuso - VIDEO


La decisione assunta a seguito di una lunga riunione che ha sancito il passaggio di consegne del fascicolo dalla Procura di Lamezia Terme alla Direzione distrettuale antimafia del capoluogo regionale. Il vertice tra magistrati e investigatori è stato diretto dal procuratore capo di Catanzaro Nicola Gratteri.


Al momento non è esclusa alcuna pista, si indaga a 360° nella vita personale e professionale del noto legale che seguiva alcuni tra i più importanti processi di ‘ndrangheta, tra cui “Medusa”, “Perseo” e “Andromeda”. Al vaglio degli inquirenti tabulati, filmati e fascicoli dell’avvocato 43enne ucciso con due dei tre colpi di revolver sparati dal killer che lo ha atteso all’interno del cortile della sua abitazione.


Tanta commozione ma anche rabbia tra le migliaia di persone presenti al funerale tenutosi nella chiesa del Rosario. A prendere la parola a fine celebrazione, la sorella Antonella che, tra le altre cose, ha lanciato un duro monito all’assassino del fratello: «Mi hai tolto la parte più importante, ma so che la giustizia farà il suo corso».

 

Omicidio Pagliuso, parla la sorella: «Voglio giustizia non vendetta»

 

Lamezia Terme, migliaia di persone per l'ultimo saluto a Francesco Pagliuso

 

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top