Omicidio Pagliuso, la sorella chiede un centesimo di risarcimento

Secondo Antonella, da anni in prima fila per dare giustizia al fratello, la perdita non può essere valutata economicamente

20
di Tiziana Bagnato
19 febbraio 2019
14:47

Un centesimo di euro. È questo il risarcimento chiesto da Antonella Pagliuso, sorella dell’avvocato Francesco, ucciso il 9 agosto 2016, durante l’udienza che si è tenuta questa mattina in Corte d’Assise e che ha visto alla sbarra Marco Gallo, accusato di essere l’assassino. Una richiesta provocatoria la sua «avendo perso ella la parte migliore di sé e non ritenendo ristorabile o valutabile economicamente la perdita».


Marco Gallo è stato rinviato a giudizio. A costituirsi parte civile anche i genitori dell’avvocato Pagliuso con il legale Salvatore Staiano, la sorella Angela con il marito e il figlio con il legale Nunzio Raimondi, la moglie con l’avvocato Enzo Galeota, il figlio con l’avvocato Pino Zofrea, la sorella Antonella con il marito e il figlio con il legale Aldo Ferraro. E poi, ancora, la camera penale di Lamezia, con l’avvocato Gianfranco Agapito il consiglio dell'ordine degli avvocati di Lamezia con il legale Barbieri, il Comune di Soveria Mannelli con l’avvocato Pietro Agapito e il Comune di Lamezia con l’avvocato Caterina Restuccia.


L’udienza è stata rinviata al prossimo 23 aprile.

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio