Ormeggi abusivi, la Guardia costiera sgombra area da 2600 mq nel Reggino

L’operazione che si inserisce nell’ambito della campagna nazionale Mare Sicuro 2020

20
20 agosto 2020
14:55

Liberata un’area pari a 2600 metri quadrati occupata da sistemi d’ormeggio abusivi. In questi giorni, infatti, i militari della guardia costiera di Reggio Calabria insieme ai sommozzatori del nucleo operatori subacquei guardia costiera di Messina, stanno conducendo un’operazione di prevenzione e contrasto al diffuso fenomeno dei gavitelli abusivi posizionati lungo l’intero litorale reggino.

 

L’operazione che si inserisce nella serie di controlli finalizzati a rendere più sicuro l’ambiente mare, nell’ambito della campagna nazionale Mare Sicuro 2020, è stata preceduta da una propedeutica attività di posizionamento di diffide su tutte le imbarcazioni, illegittimamente collocate, in forma stabile, sui gavitelli d'ormeggio presenti. In ottemperanza alle diffide apposte, si è quindi proceduto coattivamente a rimuovere e rendere completamente inutilizzabili, circa 20 sistemi d’ormeggio, costituiti da vari materiali (cemento, pietre, cordami, ferro e gavitelli), per una superficie pari a circa 2600 mq, con conseguente sequestro penale degli stessi.

 

Con l’occasione sono state rimosse attrezzatura da pesca e spezzoni di reti rinvenute sui fondali ispezionati. La collocazione delle boe d’ormeggio lungo la fascia costiera in assenza del previsto titolo di concessione demaniale, spesso a pochi metri dalla battigia, oltre a deturpare l’ambiente marino, rappresenta un pericolo per la sicurezza della navigazione a causa dell’assenza di idonee segnalazioni e impedisce, al contempo, la libera e sicura fruizione da parte dei bagnanti della fascia di mare riservata alla balneazione.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio