Ospedale di Cetraro, dichiarato lo stato di agitazione dei dipendenti

La situazione si aggraverà nei prossimi mesi, quando molti operatori andranno in pensione con "quota 100"

100
di Francesca  Lagatta
17 maggio 2019
16:19

Mentre fuori i politici del Tirreno cosentino litigano sulla sanità facendo minuziosi calcoli elettorali, nell'ospedale di Cetraro la situazione è precipitata. Dopo mesi di lamentele e segnalazioni inascoltate, a seguito di una riunione con i sindacati i dipendenti hanno dichiarato lo stato di agitazione permanente. A monte della protesta c'è il problema della grave carenza di personale che, nonostante le promesse e le buone intenzioni, continua ad affliggere tutti gli ospedali calabresi, soprattutto in vista dell'imminente stagione estiva. Durante l'incontro, sono stati richiesti gli interventi del commissario ad acta Saverio Cotticelli e dei vertici dell'Asp di Cosenza. Se non si prenderanno i dovuti provvedimenti nel più breve tempo possibile, hanno fatto sapere le organizzazioni sindacali, si metteranno in campo altre forme di protesta.

Turni massacranti

All'ospedale Iannelli la situazione è diventata insostenibile. Mancano medici, infermieri e tecnici e la situazione peggiorerà nei prossimi mesi, quando molti di loro raggiungeranno "quota 100" e andranno in pensione. Le circostanze inducono quindi a turni massacranti, le ore di riposo sono ridotte al minimo e a lungo andare si stanno verificando enormi disagi. Tra le richieste del personale sanitario non c'è solo lo sblocco del turnover, c'è anche l'adeguamento dei contratti part-time. Non solo, ieri si è discusso dello smantellamento del presidio e dei suoi reparti che nessuno sembra poter fermare. Il quadro generale è aggravato forse dalla mancata nomina del direttore dello Spoke, altra piaga a cui nessuno ha posto rimedio.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio