Attivato il polo Covid di Corigliano-Rossano, in arrivo 10 positivi da Casali del Manco

Il commissario Bettelini ha accelerato le procedure. Tuttavia, parte del personale impiegato non avrebbe molta esperienza nella gestione di malattie infettive

163
di Matteo Lauria
30 ottobre 2020
21:03

Da domani lo spoke Corigliano-Rossano sarà polo Covid non più solo sulla carta ma nella realtà. Saranno attivati dieci posti di pneumologia, destinati ai pazienti coronavirus stabili. E sarà in grado, fin da subito, di accogliere i primi dieci positivi provenienti da Casali del Manco, laddove è scoppiato un focolaio.

Al momento la divisione può disporre di 5 pneumologi, e di personale infermieristico ed ausiliario sottodimensionato. Ma il problema, secondo quanto emerge, è che parte del personale selezionato non avrebbe attitudini ad affrontare malattie infettive. La brusca accelerazione è stata voluta dal commissario straordinario Cinzia Bettelini che, considerata l’emergenza e l’aumento dei contagi, ha dato avvio all’attuazione della delibera Asp a firma Zuccatelli (suo predecessore).


Attuata la delibera Asp a firma Zuccatelli

La manager aziendale, secondo talune indiscrezioni, avrebbe colto l’occasione della consegna di un’ambulanza presso l’ospedale di Corigliano avvenuta nelle ultime ore, per convocare i vertici del presidio spoke e comunicare la decisione di aprire il Polo Covid al “Nicola Giannettasio” di Rossano, che ospita una Tac dedicata e dove è prossima l’attivazione del laboratorio utile a processare 100 tamponi al giorno, ma ancora manca l’arredo su cui posizionare la macchina (acquistata a maggio). Anche qui necessitano corsi di formazione per l’utilizzo dell’apparecchiatura.    

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio