Omicidio del circense, la vittima accusa Orfei prima di morire

A Santa Domenica di Ricadi una lite per futili motivi tra circensi finisce in tragedia. I particolari resi noti in conferenza stampa

di Redazione
13 agosto 2016
13:13

Avrebbe pronunciato il nome del suo assassino prima di perdere conoscenza. Elemento che ha permesso agli agenti della Squadra mobile di individuare, nelle ore successive all’accoltellamento, il responsabile.

 


La notte scorsa, infatti, a Santa Domenica di Ricadi, il 37enne Werner De Bianchi, è stato accoltellato. L’uomo, trasportato durante la notte all’ospedale di Tropea e poi Vibo Valentia, è deceduto nonostante l’intervento chirurgico effettuato d’urgenza. Per l’omicidio è stato arrestato il circense Alex Orfei, 30 anni, il cui circo è attualmente stanziato in località Gesuini di Santa Domenica di Ricadi. 

 

I particolari sono stati esposti nel corso di apposita conferenza stampa in Questura, dal dirigente della Squadra Mobile Tito Cicero: «Tra i due, entrambi circensi, vi erano dei dissidi personali originati da un debito pregresso di circa 1000 euro. De Bianchi, dipendente del circo Royal, ha saputo che quello Orfei aveva piantato le tende a Santa Domenica, nei pressi di un noto supermercato a Santa Domenica di Ricadi, e ieri sera si è portato sul posto per un ulteriore chiarimento. Erano circa le 18,30».

 

La discussione sarebbe, quindi, degenerata in rissa. Pare, infatti, che in aiuto dell’aggressore sia intervenute altre tre persone. E infatti, gli inquirenti stanno valutando anche eventuali altre responsabilità.  Ad un certo punto Orfei (31 anni) ha estratto il coltello colpendo De Bianchi al fianco sinistro con interessamento del pancreas. Sul corpo anche altri segni di contusioni.

 

Il 36enne è stato soccorso dai clienti del vicino esercizio commerciale e trasportato all’ospedale di Tropea. Qui, prima di perdere i sensi, ha avuto il tempo di raccontare ai poliziotti come erano andati i fatti e di fare il nome del suo assassino. Nella notte le sue condizioni di sono aggravate e quindi è stato trasferito d’urgenza al nosocomio di Vibo Valentia dove è stato sottoposto ad intervento chirurgico, nella notte purtroppo è sopraggiunto il decesso.

 

Con ogni probabilità saranno acquisite le immagini delle telecamere del circuito chiuso del supermercato onde verificare il ruolo avuto dagli altri tre individui che hanno partecipato al pestaggio.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top