Il sì di Pasquale e Daniele: prima unione civile a San Giovanni in Fiore

Il rito è stato celebrato dal sindaco in un clima di festa che ha investito tutta la città, il cui Comune da anni fa parte della Rete nazionale delle Pubbliche amministrazioni anti discriminazioni

175
di Redazione
25 agosto 2020
20:37
Pasquale e Daniele con il sindaco della città
Pasquale e Daniele con il sindaco della città

La prima unione civile a San Giovanni in Fiore: non una cosa semplice e nemmeno tanto scontata. Ma soprattutto non era affatto scontato quel clima di festa e di gioia che è esploso nella città di Gioacchino e che ha accompagnato all’ “altare” municipale Pasquale Mazzei e Daniele Posterà, due giovani del posto attualmente fuori regione per lavoro. 



Lo stesso sindaco Giuseppe Belcastro ha voluto celebrare il rito civile dell’unione fra i due ragazzi, mentre sui social sono stati in migliaia ad unirsi alla festa. È una prima volta importante, un segno di civiltà e un bel segnale contro qualsiasi forma di discriminazione. Un sogno che si avvera per due ragazzi conosciuti e stimati.



Circa 10 anni fa, il deputato democratico Franco Laratta si era unito ad una manifestazione pubblica sul tema: “La lunga strada delle unioni civili”, voluto dal battagliero Alfredo ‘Brigante’ Federico (sempre in prima linea contro ogni forma di discriminazione) con Marco Marchese, dell’associazione “Certi diritti” e Gabriele Mancina, il giovane consigliere comunale che ha lavorato molto per ottenere l’adesione del comune di San Giovanni in Fiore alla rete “Rete Nazionale delle Pubbliche Amministrazioni Anti Discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere”, della quale Mancina divenne referente nazionale. 
Sono passati 10 anni da quell’evento. Ma oggi si può dire che finalmente si respira un’aria diversa. Anche da queste parti.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio